13 novembre 2019
Aggiornato 08:30
8 Marzo

Il Piano straordinario per l’occupazione e le misure a favore delle donne

La Regione Piemonte per fronteggiare la crisi economica ha stanziato 390 milioni di euro

TORINO - Presentare il «Piano straordinario dell’occupazione» in tutte le province piemontesi, all’interno delle Camere di commercio locali, «case delle imprese» dislocate sui territori, al fine di far conoscere agli imprenditori di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Torino, Vercelli e del Verbano Cusio Ossola tutte le misure attivate dalla Regione Piemonte per ridare slancio all’economia e allo sviluppo piemontese.

Con questo obiettivo, Regione Piemonte, Camera di commercio di Torino (in collaborazione con il Comitato per l’imprenditoria femminile) e Finpiemonte S.p.A presenteranno martedì 8 marzo 2011 alle ore 14.30, presso il Centro Congressi Torino Incontra di Via Nino Costa 8, gli assi di intervento che riguardano sia gli incentivi diretti alle assunzioni sia gli strumenti che mirano a far crescere le imprese piemontesi e ad attrarne di nuove sul territorio della nostra regione, oltre che le forme di defiscalizzazione e semplificazione che hanno l’obiettivo di facilitare l’accesso al credito.

Più occupazione, più competitività, più credito, meno burocrazia: sono questi i quattro pilastri che reggono il Piano straordinario per l’occupazione, che la Regione Piemonte ha predisposto per fronteggiare la crisi economica e per la cui attuazione sono stati stanziati 390 milioni di euro.

La Regione Piemonte annuncerà, in occasione dell'8 marzo, il potenziamento del Fondo per l'imprenditoria femminile e giovanile: 1,5 milioni di euro a favore del lavoro delle donne, che si aggiungono ai circa 7 milioni già in dotazione, per rispondere alle necessità finanziarie delle piccole imprese femminili già operanti sul mercato. In arrivo anche nuove misure per favorire la conciliazione dei tempi: circa 3 milioni di euro per nuovi servizi per l'infanzia, per la flessibilità del lavoro, per la facilitazione del rientro al lavoro dopo un lungo periodo di assenza, per l'incentivazione dei congedi parentali dei padri e per le banche del tempo. Durante l'incontro saranno anche diffusi i dati del Terzo rapporto sulla condizione femminile in Piemonte «Donne», curato da Ires Piemonte.

L’incontro cercherà inoltre di tracciare un quadro delle misure già attivate, con particolare attenzione a quelle che riguardano il Lavoro e il Microcredito - Credito alla persona, nell’ottica di incoraggiare la concessione di crediti unicamente finalizzati a sostenere nuove attività imprenditoriali o di lavoro autonomo a soggetti non bancabili, mediante la concessione di garanzie.

Interverranno all’incontro il Presidente della Camera di commercio di Torino Alessandro Barberis, il Presidente della Regione Piemonte Roberto Cota, Assessore al Bilancio e Pari opportunità della Regione Piemonte Giovanna Quaglia, l’Assessore allo Sviluppo economico, Ricerca e Innovazione della Regione Piemonte Massimo Giordano, l’Assessore al Lavoro e Formazione professionale della Regione Piemonte Claudia Porchietto, e il Presidente di Finpiemonte S.p.A. Massimo Feira.