16 novembre 2019
Aggiornato 00:00
12 e 13 aprile 2011 a Torino

Agrofood innovation days

Al Centro Congressi Torino Incontra una due giorni dedicata all’innovazione nel settore agro-alimentare

TORINO - L’innovazione nel settore agro-alimentare è il tema centrale della manifestazione organizzata da Unioncamere Piemonte e dalla Camera di commercio di Torino, in collaborazione con il Centro di ricerca Agroinnova e i partner italiani ed europei della rete Enterprise Europe Network, che si terrà a Torino presso il Centro Congressi Torino Incontra di via Nino Costa 8 nelle giornate del 12 e 13 aprile 2011.
L’evento si articolerà in due sessioni dedicate alle opportunità di ricerca in materia agro-alimentare e una mezza giornata di incontri bilaterali per favorire la collaborazione tecnologica tra grandi aziende, Pmi, centri di ricerca e Università sui temi dell’innovazione nella filiera agro-alimentare.

Nella prima giornata, il 12 aprile alle ore 9, il programma prevede la presentazione della rete Enterprise Europe Network e delle attività del suo Sector Group Food in collaborazione con il sistema delle Camere di commercio della regione. Sarà anche presentata la nuova rete mondiale sulle attività di ricerca e sviluppo sull’agro-alimentare, World Food Innovation Network (WoFIN). Interverranno Marco Mangiantini, responsabile dell’Ufficio Innovazione e Trasferimento Tecnologico di Unioncamere Piemonte e attuale rappresentante italiano SAG (Steering Advisory Group) per la rete Enterprise Europe Network; Michel Pinel, responsabile del cluster francese F2C Innovation; Maria Lodovica Gullino, direttore del Centro di ricerca Agroinnova di Torino, e Anita Fassio, funzionario dell’Agenzia europea per la competitività e l’innovazione (EACI).
L’evento di brokeraggio del pomeriggio permetterà ai partecipanti - oltre una quarantina tra aziende e centri di ricerca italiani e stranieri - di realizzare incontri personalizzati per ricercare partner per progetti di ricerca e sviluppo o per avviare collaborazioni tecnologiche e commerciali. In parallelo, saranno organizzati workshop tematici per i membri della rete WoFIN, con il coinvolgimento anche di alcune aziende e istituti di ricerca piemontesi che ne hanno fatto richiesta.

La sessione del 13 aprile, dal titolo «Making the food and drink industry more sustainable through innovation», sarà invece dedicata alla presentazione del programma Eco-Innovation dell’Unione europea per il settore alimentare con la descrizione di alcuni progetti in corso. Interverranno Anita Fassio, funzionario dell’Agenzia europea per la Competitività e l’Innovazione (EACI), Aurelio Politano, funzionario della DG Ambiente della Commissione europea, e i responsabili di diverse aziende da Ungheria, Israele, Francia, Spagna e Italia che hanno partecipato al bando 2008-2009.
Al momento gli iscritti all'evento sono 110, di cui 39 stranieri (rappresentanti di 32 realtà tra aziende,centri di ricerca ed enti di 10 diversi Paesi); sono invece 44 gli iscritti al brokerage, di cui 19 stranieri.

Per scaricare il programma completo: www.b2match.eu/foodinnodays

Enterprise Europe Network è la rete creata dalla Commissione europea per supportare l’attività imprenditoriale e la crescita delle Pmi europee. La rete offre assistenza su finanziamenti e normative comunitarie, ricerca partner per collaborazioni internazionali in ambito commerciale, tecnologico e di ricerca. Unioncamere Piemonte e la Camera di commercio di Torino sono membri della rete EEN all'interno del Consorzio ALPS competente per l’aera geografica di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.

World Food Innovation Network è la rete nata nel 2010 per sviluppare a livello mondiale una strategia coordinata tra raggruppamenti di imprese, poli e centri di ricerca che operano nel settore agro-alimentare, in particolare attraverso progetti di ricerca e sviluppo. Attualmente è composta da 16 organizzazioni di diversi Paesi tra cui il Centro di ricerca torinese Agroinnova.

Il Programma Eco-Innovation dell’Unione Europea supporta le soluzioni innovative che proteggono l’ambiente, sostenendo progetti di prima applicazione commerciale di prodotti, processi o pratiche eco-innovative, già dimostrati tecnicamente, ma che necessitano di incentivi per affermarsi sul mercato.

Nel settore alimentare si propone di:
• promuovere l’utilizzo di prodotti innovativi e più puliti, inclusi metodi e materiali per il packaging, processi e servizi finalizzati ad accrescere l’efficienza delle risorse;
• promuovere il pieno utilizzo delle materie prime nel settore alimentare, per garantire una maggiore efficienza e produttività delle risorse, la riduzione dei rifiuti bio-degradabili, e il sostegno alla transizione verso un’economia a biologica;
• promuovere l’utilizzo di prodotti, processi e servizi innovativi e più puliti, finalizzati alla riduzione dei rifiuti e ad accrescere le attività di riciclo e di recupero;
• accrescere l’efficienza nel consumo idrico di un processo o l’eco-efficienza nella gestione idrica;
• promuovere l’utilizzo di prodotti, processi e servizi innovativi e più puliti, finalizzati a ridurre l’impatto ambientale del consumo di cibi e bevande, come ad esempio il ricorso all’etichettatura o a servizi logistici rivolti alle decisioni relative al packaging, alla distribuzione e all’acquisto.
(Fonte: http://ec.europa.eu/environment/eco-innovation)