19 gennaio 2021
Aggiornato 22:00
Calcio - Serie A

Elkann ammette: «Ho temuto di perdere Conte»

Intervenuto all’assemblea dei soci Exor, il presidente John Elkann ha tracciato la linea da seguire per il futuro: «L’Atletico Madrid dimostra che non sono i soldi a fare la differenza».

TORINO – Di una cosa gli juventini adesso possono esser certi: il rischio di perdere Antonio Conte stavolta è stato più che concreto. L’ha confessato John Elkann, presidente di Exor, che detiene la maggioranza di Juventus, a margine dell'assemblea dei soci Exor, tenuta presso lo stabilimento Maserati di Grugliasco (Torino): «Se ho temuto di dover rinunciare a Conte? In effetti è la stessa domanda dell'anno scorso, ma quest'anno è più pertinente», confermando indirettamente che siamo arrivati davvero ad un pelo dal divorzio.

PRESTO PER PARLARE DI CALCIOMERCATO – Alle domande insistenti sulle strategie di calciomercato, Elkann ha per il momento fatto muro: «Il calciomercato si fa dopo i mondiali. Sarà un grande momento la Coppa del mondo dove potremo vedere sorprese positive che non conosciamo e anche delle delusioni».

PRENDIAMO ESEMPIO DALL’ATLETICO – Ma una cosa l’ha chiarita il presidente di Exor, la Juventus non metterà a rischio i suoi conti per tentare la conquista della Champions League: «Il caso dell'Atletico Madrid, che ha vinto il campionato spagnolo ed è in finale di Champions League dimostra che nel calcio, ed è per questo che lo amiamo tutti, non sono i soldi a fare la differenza».

GRANDI SODDISFAZIONI – Il bilancio delle soddisfazioni sportive è comunque largamente in attivo, e di questo Elkann non può che essere orgoglioso: «Siamo in Europa tra le squadre che hanno una rosa più importante, tra le società europee più importanti come giocatori. Nella nostra storia abbiamo sempre conciliato il successo sportivo e il rispetto dei vincoli finanziari. E questa continuerà ad essere la priorità».