9 dicembre 2019
Aggiornato 08:00
Calciomercato

Juve, Sneijder a un passo. Ora tocca a Rolando

Il club bianconero è pronto a sferrare l’offensiva finale per portare a Torino il centrocampista olandese. Ancora 3-4 milioni di differenza tra domanda e offerta, ma adesso si può fare. Intanto Marotta è al lavoro per chiudere anche l’operazione Rolando con il Porto.

TORINO - Come era facilmente prevedibile, dalla Turchia iniziano ad arrivare i primi segnali di accondiscendenza da parte della dirigenza del Galatasaray nei confronti della Juventus, sempre più convinta di voler portare a casa Wesley Sneijder. 

Finora il club turco non ha voluto sentire ragioni, clausola rescissoria fissata a 20 milioni di euro, e da lì non si transige. Adesso, vista anche la ferma opposizione juventina di fronte ad una richiesta tanto esosa, sembra che inizino a filtrare i primi barlumi di ottimismo per la buona riuscita della trattativa.

10 MILIONI LA RICHIESTA DEL GALATASARAY - C’è ancora tanto da lavorare perché Marotta era partito con una richiesta di prestito e invece adesso sarà costretto a sedersi al tavolo con i vertici del Galatasaray per trovare un compromesso. La soluzione più plausibile a questo punto è un acquisto a titolo definitivo. Dalla Turchia sembra non intendano scendere sotto i 10, ma è lecito supporre che per una cifra vicina ai 6-7 milioni di euro si possa chiudere l’affare.

IL PORTO PRENDE TEMPO SU ROLANDO - La dirigenza juventina intanto continua a lavorare per mettere a disposizione di Massimiliano Allegri il difensore Rolando, ormai un habitué del calcio italiano, dopo le sue esperienze a Napoli e all’Inter (fallimentare la prima, appena appena sufficiente la seconda). Nelle ultime ore era atteso un confronto con i vertici del club lusitano, il presidente Pinto da Costa e i suoi più stretti collaboratori, ma proprio i portoghesi alla fine hanno rimandato il meeting. 

All’origine sembra ci sia il desiderio da parte del Porto, di strappare un rinnovo a Rolando, prima di cederlo in prestito alla Juventus. La ragione è semplice, il calciatore è in scadenza nel 2016 e senza un prolungamento, alla fine di questa stagione avrebbe l’opportunità di mettere la società lusitana di fronte a un aut-aut per liberarsi a parametro 0.

Da parte del club bianconero la proposta resta immutata: 500.000 euro per il prestito e 4,5 milioni fissati per l’eventuale riscatto.