16 novembre 2019
Aggiornato 00:00
Territorio e sviluppo

Al via il Piano Strategico per l'Eporediese

Prima riunione del progetto per lo sviluppo economico di lungo periodo dell'area. Temi caldi: ricerca, innovazione, infrastrutture e welfare

IVREA - Definire una visione di sviluppo economico di lungo periodo che indirizzi - attraverso logiche condivise - azioni prioritarie per settori e filiere, con particolare attenzione ad alcuni temi: formazione a tutti i livelli, ricerca, innovazione, infrastrutture e sostegno al capitale umano attraverso welfare e no profit. Questo, in sintesi, l'ambizioso – ma si può dire – necessario, obiettivo che si prefigge il Piano Strategico per l'Eporediese.

Che cos'è il PSE
Studiato sulla falsariga delle positive esperienza sperimentate sulla Città di Torino, il progetto punta a trovare una chiave di sviluppo per il futuro dell'area, attraverso la valorizzazione delle specificità locali, e mettendo in campo capacità, necessità, ambizioni ed interessi di forze economiche, sociali ed istituzionali. Il percorso è promosso dalla Città Metropolitana, insieme al Comune di Ivrea e con l’accompagnamento metodologico dell’Associazione Torino Internazionale|Strategica, che ha recentemente elaborato il terzo Piano Strategico dell’area metropolitana di Torino «Torino Metropoli 2025», riferito ad un territorio che comprende la città e i 37 comuni circostanti.

Come si svilupperà
I lavori sono stati avviati questa mattina, venerdì 17 luglio, con la prima riunione della Commissione Economica Locale, e saranno guidati da una cabina di regia in fase di costituzione, composta dalle rappresentanze istituzionali locali, dalla Città Metropolitana, dalle Associazioni di categoria e sindacati locali e da Torino Internazionale|Strategica. Selezione dei temi e agenda di progetti prioritari sono affidati alla Commissione di sviluppo economico locale – presieduta dall'AD di Proging Srl, Barbara Gallo - a cui sono stati invitati a partecipare esponenti del mondo economico dell’Eporediese, individuati anche con il supporto delle Associazioni di categoria. A seguire si aprirà il confronto con i sindaci dell’Area Omogenea dell’Eporediese e Saranno previsti momenti di consultazione e di approfondimento tematico con un’ampia platea di operatori economici, associazioni e soggetti attivi del territorio.

Il fronte istituzionale
Il Piano Strategico dell’Eporediese viene avviato in parallelo e a complemento del processo istituzionale del Piano Strategico Metropolitano (PSM), che la Città Metropolitana sta definendo quale strumento di governo e indirizzo previsto dalla Legge e dallo Statuto dell’Ente, su tutto il territorio dell’ex Provincia: «È una grande occasione di crescita per il territorio – ha commentato Carlo Della Pepa, sindaco di Ivrea - costituisce un'opportunità di particolare importanza per immaginare un futuro possibile per questa area che ha ancora tante potenzialità inespresse, e per individuare in maniera condivisa i più opportuni interventi per lo sviluppo».