27 maggio 2020
Aggiornato 02:00
Traffico di droga

Scoperto traffico di droga dall'Albania all'Italia

La marijuana arrivava nella carlinga di un aereo ultraleggero, passava dalla Puglia e raggiungeva il Nord Italia atterrando a Volpiano. Quattro gli arresti ad oggi effettuati

VOLPIANO - Un aereo privato per la droga che viaggiava dall'Albania all'Italia. Per eludere i controlli alla frontiera una banda utilizzava un ultraleggero per trasportare in sicurezza le sostane illecite. L'attività della banda riguardava l'importazione di grossi quantitativi di marijuana dall’Albania che la squadra mobile ha stroncato. Gli arrestati sono Maksim Llanaj, albanese di 37 anni residente a Volpiano. Pasquale D’Ambrosio, 58 anni, titolare di un ristorante sul Lago Maggiore. Sono entrambi ritenuti responsabili di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti. In manette anche Fitor Alliaj, albanese residente a Druento, classe 1972, e Rosario Campisi, sessantenne di Borgosesia.

La procedura d'importazione
L'ultraleggero Dynamic era stato modificato nella carlinga per trasportate la droga. Il velivolo decollava dal campo volo di Gattinara (Vercelli) alla volta dell'Albania, facendo scalo nella provincia di Lecce. In questo modo, secondo le forze dell'ordine, i carichi di droga venivano rivenduti al dettaglio. I viaggi duravano poche ore e questo permetteva un continuo smistamento nelle aree di Torino e provincia, Vercelli e Biella. Sono ancora in corso le ricerche di ulteriori componenti della banda sia in Italia che in Albania.

L'arresto
Nel giugno scorso i malviventi avevano effettuato un'importazione di circa 80 chilogrammi di marijuana. Lo scorso 1° settembre invece, era stata programmata un'ingente importazione di marijuana (circa 120 chilogrammi), non andata in porto a causa di un imprevisto verificatosi al campo volo in provincia di Lecce. Per interrompere il traffico illecito di stupefacente, il personale della Squadra Mobile di Torino, del Reparto Volo di Milano e del Reparto Prevenzione Crimine di Torino, ha utilizzato anche un elicottero della Polizia Di Stato, ed ha bloccato a Gattinara l'aereo appena tornato dalla Puglia. Le indagini sono state coordinate dal pm Antonio Rinaudo della Procura della Repubblica di Torino.