28 ottobre 2020
Aggiornato 23:30
Il processo

Amianto, vertici Olivetti rinviati a giudizio

Per i morti e per le persone ammalate, 17 persone in aula a novembre. Tra di loro Carlo De Benedetti, Corrado Passera e Roberto Colannino

IVREA - Il Giudice per l'udienze preliminari, Cecilia Marino, ha deciso di rinviare a giudizio i vertici dell'Olivetti, per le morti  e i malati di amianto. Saranno quindi diciassette gli imputati. Tra le diverse personalità di spicco, ci sono Carlo De Benedetti, l'ex ministro Corrado Passera e Roberto Colaninno.

Tutti i rinviati a giudizio
Di seguito l'elenco degli altri rinviati a giudizio: Renzo Alzati, Onofrio Bono, Giuseppe Calogero, Filippo Demonte, Roberto Frattini, Luigi Gandi, Manlio Marini, Camillo Olivetti, Anacleto Parziale, Enrico Pesatori, Luigi Pistelli, Maria Luisa Ravera, Paolo Smirne e Pierangelo Tarizzo. Più Silvio Preve, già rinviato a giudizio. La prima audienza è stata fissata per il 23 del prossimo mese di novembre,ma il dibattimento vero e proprio comincerà l'11 gennaio del 2016.

Non luogo a procedere
Per i consiglieri di amministrazione dell'azienda, semplici, cioè, senza deleghe invece i giudici hanno deciso per il non luogo a procedere. Si tratta dei figli di Carlo De Benedetti, Marco e Rodolfo, e poi Paolo Baratta, Cesare Baratti, Achille De Tommaso, Maria Luisa Lizier, David Olivetti, Giorgio Panattoni, Elserino Piol, Guido Vitale e Mario Gabbrielli.