15 settembre 2019
Aggiornato 07:30
La proposta del presidente della commissione Attività Produttive Raffaele Gallo

Il Piemonte diventerà la Silicon Valley d'Europa

Una proposta di legge per favorire la nascita e lo sviluppo delle start up innovative sul territorio piemontese. Prevista la costituzione di un fondo per interventi a capitale di rischio, grazie a finanziamenti europei e regionali per 16 milioni in due anni

TORINO - «Nella mia visione la nostra Regione deve diventare la ‘Silicon Valley’ europea, dove i giovani vengono ad avviare le loro attività e le fanno crescere in un territorio dinamico, fertile per le nuove idee e con lo sguardo rivolto al futuro», parola di Raffaele Gallo, presidente della commissione Attività Produttive in Regione, che ha presentato una proposta di legge per favorire la nascita e lo sviluppo di start-up innovative in Piemonte.

Un fondo da 16 milioni
Gallo ha continuato: «Vorrei con questa legge creare condizioni migliori per lo sviluppo di un ecosistema dell’imprenditoria innovativa a Torino e in Piemonte», incentivando l’insediamento di nuovi incubatori, disponendo sgravi fiscali concreti e lanciando il procurement pubblico. Tra gli interventi previsti dalla legge vi è la costituzione di un fondo per interventi a capitale di rischio di tutte le nuove imprese innovative, grazie a finanziamenti europei e regionali per 16 milioni in due anni. «Mi piacerebbe - ha proseguito l'esponente del Pd – che Torino e il Piemonte diventassero sempre più un luogo in cui le imprese straniere possano trovare innovazione e ricerca e che quindi fosse un polo attrattivo per gli investimenti stranieri. In particolare con questa legge lanciamo in Piemonte il procurement pubblico, vero strumento innovativo per far crescere le start up anche attraverso l’utilizzo della spesa pubblica».

Il Piemonte che innova
In Italia, lo scorso anno, si sono iscritte nel registro delle imprese circa 1.800 start up innovative. Innovative non solo dal punto di vista tecnologico, ma anche sociale, turistico e culturale. Il Piemonte si colloca al terzo posto, dopo Lombardia ed Emilia Romagna. Oggi la nostra regione è sede di numerose imprese innovative, anche grazie alla presenza di incubatori, come il Politecnico di Torino e l’Università degli Studi di Torino. La proposta di legge, alla quale ha collaborato anche la Consulta Giovani del Consiglio regionale, prevede anche l’istituzione della Consulta per l’Innovazione presso l’Assessorato regionale all’Innovazione, per promuovere la cooperazione tra i destinatari della legge e favorire lo sviluppo e il radicamento dell’imprenditoria innovativa in Piemonte.