28 ottobre 2020
Aggiornato 00:00
Tecnologia

La prima stampante 3D di Olivetti sarà prodotta nel Canavese

Lo strumento è rivolto alle piccole e medie imprese del settore del Digital Manufacturing, gli artigiani 2.0. La Olivetti 3D-S2, che impiegha al 100% tecnologie Made in Italy, è in grado di creare oggetti con qualsiasi tipo di materiale termoplastico ma anche con legno, vetro, carbonio e marmo. L'area di stampo è estesa e permette di lavorare a progetti dalle dimensioni fino a 40x40x40 cm

IVREA – Olivetti produrrà, interamente in Italia, nel Canavese, la sua prima stampante 3D. Lo strumento è rivolto alle piccole e medie imprese del settore del Digital Manufacturing, gli artigiani 2.0.

La Olivetti 3D-S2, che impiegherà al 100% tecnologie Made in Italy, è stata sviluppata in collaborazione con Gimax, società pratese nel settore dell’automazione industriale, la stampante si avvale delle potenzialità della scheda Arduino, la piattaforma di hardware e software open source nata a Ivrea (non sono richiesti quindi investimnenti tecnologici ulteriori). Punto di forza dell'ultima arrivata in casa Olivetti è la sua flessibilità nel creare oggetti con qualsiasi tipo di materiale termoplastico, come plastica, resina, nylon, ma anche con legno, vetro, carbonio e marmo. L'area di stampo è estesa e permette di lavorare a progetti dalle dimensioni fino a 40x40x40 cm, ad elevata velocità.

Olivetti ha in mente di creare una piattaforma per la condivisione di librerie di oggetti già modellati in CAD-3D, che faccia anche da punto di incontro fra chi possiede una stampante 3D e aziende interessate a stampare i propri progetti. La Olivetti 3D-S2 sarà presentata durante il Maker Faire - European Edition 2015 in programma dal 16 al 18 ottobre a Roma presso l’Università La Sapienza.