3 dicembre 2020
Aggiornato 17:30
Regione in rosso

Chiamparino: "Disavanzo da 6 miliardi, ci aspetta uno scenario non radioso"

Dopo la parifica della Corte dei conti sul disavanzo della Regione, il presidente dice: "I soldi andranno trovati. Questo è meglio saperlo per prepararsi"

TORINO - "Si apre una stagione difficile. Gli scenari non sono radiosi perché i soldi andranno trovati. Questo è meglio saperlo per prepararsi». Così il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, che dopo la parifica della Corte dei conti sul disavanzo della Regione, quantificato in quasi 6 miliardi di euro, ha confermato di aver sentito il viceministro dell'economia Enrico Morando. "C'è stata ieri una telefonata col viceministro. Non chiediamo soldi, ne' spalmature. Il decreto che attendiamo precisa norme di contabilità, ponendo rimedio alle ambiguità del dl 35. Le norme dovrebbero consentire un alleggerimento del disavanzo tra i 4 e i 4,2 mld. Dopodiché resterà un disavanzo di 1,6 mld da assorbire in 7 anni. Questo si traduce in 238 milioni in più all'anno da trovare" ha detto Chiamparino, a margine del consiglio regionale. "Al di là dello scenario difficile, tutto ciò non andrà a toccare la sanità che si alimenta con un fondo nazionale proprio", ha concluso.