26 ottobre 2020
Aggiornato 23:00
Tutto ciò che c'è da sapere su ContemporaryArt 2015

ContemporaryArt, perché Torino è la capitale indiscussa dell'arte contemporanea

Un programma incredibile di eventi, performance, installazioni, mostre, riconosciute tra le più interessanti a livello internazionale. La città della Mole si accende delle Luci d'artista, ed è pronta, ancora una volta, a stupire

TORINO – Ci sono così tanti eventi che quasi ci si perde. E non è solo questione di quantità, ma anche, e prima di tutto, di qualità. Novembre, culturalmente parlando, è il mese più 'faticoso' per i torinesi e per chi, lungo tutto lo Stivale, ama l'arte. Già, perché a novembre, a Torino, c'è lo «speciale autunno» del ContemporaryArt: eventi, performance, installazioni, mostre, riconosciute tra le più interessanti a livello internazionale. Un sistema dell’arte contemporanea attivissimo tutto l’anno, ma che in questo momento sfodera tutta la sua creatività. Uno straordinario tessuto intrecciato di realtà pubbliche e private, fondazioni, musei, gallerie dà vita a un caleidoscopico cartellone di eventi all’insegna dell’innovazione, della ricerca e della contaminazione tra le diverse arti. In Italia, Torino è la capitale indiscussa dell'arte contemporanea. Date un'occhiata al programma e capirete perché... Ce n'è davvero per tutti i gusti. Nota di servizio: novità di quest’anno è la Torino+Piemonte Contemporary Card, uno speciale abbonamento valido 48 ore consecutive al costo di 25 euro con i trasporti pubblici inclusi. Non male. Ecco gli eventi da non perdere che abbiamo selezionato per voi:

La Notte delle Arti Contemporanee
Sabato 7 novembre, è uno degli appuntamenti centrali dello «speciale autunno» con musica, teatro e performing art. Una notte dedicata alla contemporaneità caratterizzata dalla contaminazione tra le diverse arti: apertura straordinaria di musei, spazi espositivi, musicali e gallerie d’arte.

Notte bianca della danza
In occasione dell'inaugurazione ufficiale della Lavanderia a Vapore, nuovo centro regionale per la danza, la Fondazione Piemonte dal Vivo organizza la «Notte bianca della danza» venerdì 13 novembre. La Lavanderia a Vapore, a Collegno, in un recupero industriale molto suggestivo, è un polo regionale dedicato alla danza, con una stagione composita, programmi di residenza e di formazione, un luogo attivo e aperto al territorio.

Luci d'artista
Accese sabato scorso con un Défilé di danza e musica creato da Torinodanza/Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale e dalla Biennale de la Danse de Lyon nel 2014, giunte alla loro diciottesima edizione, quest’anno illumineranno vie e piazze torinesi fino al 10 gennaio. 13 le installazioni per questo 2015/2016 più una nuova opera, «Migrazione (Climate change)», dell’artista torinese Piero Gilardi, direttore artistico del PAV, Centro sperimentale d’arte contemporanea, in Galleria Subalpina.

Artissima
Edizione numero 22, per chi ancora non lo sapesse è la principale fiera d’arte contemporanea in Italia, polo di coordinazione delle esposizioni artistiche a Torino, si svolge all’Oval del Lingotto dal 6 all’8 novembre. Un appuntamento irrinunciabile per gli appassionati di arte. La grande novità di quest'anno è che si presenta con 207 gallerie da 31 paesi di tutto il mondo e tre sezioni artistiche dirette da board di curatori e direttori di musei internazionali, dedicate agli artisti emergenti, alla performance e alla riscoperta dei grandi pionieri dell’arte contemporanea.

Paratissima
L'appuntamento «off» di Artissima con la creatività giovanile a Torino Esposizioni, con più di 400 artisti e creativi, 8 mostre curate da 16 giovani e 4 sezioni (foto, design, fashion, video). E' la vetrina internazionale dei talenti emergenti.

The Others
Quest’anno «The Others» duplica gli spazi. Dal 5 all’8 novembre, oltre all’ex carcere Le Nuove avrà a disposizione anche il gioiello architettonico di Piazzale Valdo Fusi della ex Borsa Valori dove verrà allestita una mostra, «Exhibit», nel magnifico salone délabré. Tra le novità, il progetto pensato insieme agli studenti della Scuola Holden, che hanno preso parte a un workshop con professionisti del mondo della musica, del teatro e delle arti visive e che realizzeranno interventi presentati all’interno dell’ex carcere.

Alla Gam
Alla Gam vi segnaliamo, tra le altre, «Il Mercante di Nuvole. Studio65: 50 Anni di Futuro»: la Prima tappa in Italia della mostra che celebra 50 anni di storia dello Studio65, uno dei protagonisti del Pop Design italiano fondato a Torino nel 1965, «Tuttovero» in contemporanea con il Castello di Rivoli.

Al Castello di Rivoli
La mostra «Francesco Jodice. American Recordings», realizzata per la Sala Multimediale della Manica Lunga, per la quale l’artista ha ideato l’installazione una vera e propria sinfonia per immagini, che percorre il Novecento, secolo di miti ed eroi made in USA.

Alla Fondazione Sandretto
Non perdetevi la prima personale di Adrián Villar Rojas, l'artista argentino celebre nel mondo per la sua poetica originale e visionaria, capace di generare progetti grandiosi, che trasformano gli spazi e immergono i visitatori in esperienze stupefacenti.

Al MEF-Museo Ettore Fico
Il MEF – Museo Ettore Fico mette in mostra il ricco e stimolante tema della «Vanitas», rivisitato attraverso un innovativo percorso espositivo che prevede l'esposizione di oltre cinquanta opere di grandi maestri, realizzate tra la fine del XVI secolo e il XVIII secolo, messe a confronto con opere di artisti contemporanei internazionali.

Al neonato CAMERA
Nell’appena inaugurato CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia fino al 10 gennaio è allestita la mostra retrospettiva «Boris Mikhailov: Ukraine». Con oltre trecento opere esposte è una delle rassegne più ampie mai realizzate su Mikhailov, la prima declinata attorno a un tema fondamentale della sua ricerca artistica, la sua patria, l’Ucraina appunto.

OPERæ. Independent Design Festival
La prima manifestazione dedicata al design indipendente (a Palazzo Cavour): una selezione di espositori internazionali esplora il modo in cui il design reinventa il quotidiano e al contempo permette di acquistare prodotti e scoprire nuove tendenze.

Gli eventi di arte urbana
Da vedere «Sintesi 59» di Armando Testa davanti a Porta Susa: realizzata in ferro, rappresenta la fortunata pubblicità Punt e Mes, il vermuth creato nel 1870 a Torino. Se vi resta ancora del tempo vi consigliamo anche un giro in Barriera per scoprire le opere di Millo, il parco post-industriale Peccei, i murales della Cascina Marchesa e gli atelier di arte contemporanea come la Galleria Noero. Il Comune organizza dei tour in bici gratuiti. Infine, al Quadrilatero, tra via Bonelli e via Sant’Agostino da vedere l'esposizione «Un’ora al giorno almeno bisogna essere felici» del Laboratorio Zanzara.

Club to Club Festival #C2C15
Il più importante festival di musica e arte in Italia, alla costante ricerca del punto d'incontro perfetto fra avanguardia e pop. Ma sbrigatevi perché i biglietti per gli eventi in cartellone sono quasi tutti esauriti.

33TFF
L’immagine simbolo della 33esima edizione del Torino Film Festival, dal 20 al 29 novembre, è dedicata a Orson Welles in occasione del centenario della nascita il 6 maggio 1915 e nel trentennale della sua morte, il 10 ottobre del 1985. Il 33TFF gli rende omaggio con la presentazione di tre dei suoi capolavori in versione restaurata, «Quarto potere», «Rapporto Confidenziale» e «L'infernale Quinlan».

Al Museo del Cinema
Continua fino all’11 gennaio la mostra «Cinema Neorealista. Lo splendore del vero nell’Italia del Dopoguerra». A settant’anni dalla folgorante apparizione di «Roma città aperta» di Rossellini, il Neorealismo continua ad essere il momento più conosciuto, amato e influente della storia del cinema italiano.

Fondazione Teatro Stabile
Ospita «The Pride» di Alexi Kaye Campbell diretto e interpretato da Luca Zingaretti (dal 10 al 22 novembre al Carignano), «Il testamento di Maria» di Colm Tóibín con Michela Cescon, regia di Marco Tullio Giordana (dal 17 al 29 novembre al Teatro Gobetti), «Le Olimpiadi del 1936» (dal 4 al 6 dicembre alle Fonderie Limone) e «Swan Lake Reloaded» (dal 29 dicembre al 3 gennaio al Carignano).