5 luglio 2020
Aggiornato 22:00
Cronaca a Ivrea

"Venite, c'è l'evaso...". Ma sono solo due falsi allarmi

Segnalazioni a vuoto. Ancora ricerche da parte delle forze dell'ordine per Piergiacomo Azzalin. Dal Commissariato: è pericoloso, attenzione

IVREA - Ancora ricerche per Piergiacomo Azzalin, evaso la scorsa settimana da un centro di cura a Bra, in provincia di Cuneo. Azzalin era però fino a poco tempo fa detenuto in una struttura di sicurezza per persone affette da problemi psichiatrici. Le indagini del commissariato proseguono ad ampio raggio. E nei giorni scorsi ci sono state due segnalazioni al servizio del pronto intervento della Polizia di Stato. Due signore, infatti, in momenti diversi, hanno pensato di aver riconosciuto  l'uomo (32 anni, originario di Ivrea ma residente ufficialmente a Pavone). Le volanti si sono precipitate nel luogo indicato e verificato l'identità dei sospettati, che però non avevano nulla a che fare con Azzalin. Dal commissariato invitano la popolazione alla massima prudenza, perché l'uomo è socialmente e potenzialmente molto pericoloso. Ha infatti diversi precedenti penali, reati contro il patrimonio, ma è stato anche protagonista di episodi violenti, come un litigio con la madre nel corso del quale cercò di incendiare l'abitazione. Gli uomini in divisa stanno battendo tutte le piste.