27 maggio 2020
Aggiornato 01:00
Calcio | Juventus - Fiorentina

Allegri: «Fiorentina? Snodo importante»

L'allenatore dei bianconeri: «Una vittoria permetterebbe di accorciare la distanza dalla vetta». L'allenatore dei viola, Sousa: «Consapevoli della nostra forza»

TORINO - Cinque vittorie consecutive e la Juventus di Massimiliano Allegri non vuole fermarsi. Allo stadium arriva la Fiorentina in uno dei due match clou della sedicesima giornata. «Domenica saremo di fronte ad uno snodo importante per il campionato - dice il tecnico bianconero - vincere ci farebbe fare un grande salto nella risalita in classifica. Stiamo venendo da un periodo positivo. Quella di domenica è una partita importante, perchè è uno scontro diretto, contro la Fiorentina che gioca un buon calcio. E' una squadra che aggredisce molto, è un squadra che ha grande tecnica, sono dei buoni giocatori, quindi sarà una partita di alto livello domani sera. In campionato è importante che a marzo possiamo stare a ridosso delle prime così potremo giocarci le nostre chanche. Una vittoria ci darebbe slancio in vista del derby di Coppa Italia e degli ottavi di Champions».

Buone notizie dall'infermeria
«Khedira sta discretamente bene, così come Mandzukic, Evra, Padoin e Zaza: dovrebbero essere tutti a disposizione per domani». Pronto a giocare anche Rugani. Se non sarà domani spazio in Coppa e con il Carpi. Critiche eccessive nei confronti di Morata. «A Siviglia è stato sfortunato ma deve stare tranquillo e dimostrare che è un giocatore di livello europeo». Complimenti al lavoro di Paulo Sousa ed infine un auspicio: «Sarebbe bello arrivare ad ottenere il risultato di riacchiappare la quarta squadra per la Champions. E se non è quest'anno, sperando che sia l'anno prossimo».

Sousa: «Consapevoli della nostra forza»
Torna da ex per affrontare la squadra con la quale, da giocatore, ha vinto lo scudetto e la Champions League. Torna allenando una delle squadre con le quale la rivalità bianconera è più forte: la Fiorentina. «Domenica dovremo essere brillanti di testa e molto carichi di cuore - dice il tecnico viola - Una sfida come questa senza dubbio è meglio viverla da giocatore. Ai tifosi della Fiorentina dico che lavoriamo per rafforzare il loro orgoglio nei confronti della maglia viola. C'è una grande alchimia fra la tifoseria e la squadra. Allo Stadium mi aspetto l'accoglienza che ho sempre avuto. Sono sempre stato trattato con rispetto ovunque sono andato». Presto parlare del titolo: «Sarà dura, noi vogliamo essere protagonisti in campo. Detto questo è ancora presto per parlare per il titolo, ma con la continuità possiamo lottare per arrivare primi al traguardo. Continuando a vincere possiamo continuare a sognare. Noi stiamo facendo benissimo, siamo consapevoli della nostre potenzialità. Dobbiamo mettere in campo ambizione e coraggio, per cercare di vincere la partita».