16 novembre 2019
Aggiornato 00:30
Guida su Torino

Esiste l’agnolotto perfetto a Torino? Cinque pastifici potrebbero averlo, ecco quali sono i migliori

Tanti pastifici a Torino vendono la pasta fresca, ma quali sono quelli più buoni? Dissapore.com è andata alla ricerca dell’agnolotto imperdibile scoprendo 5 negozi senza rivali

TORINO - Cercando la parola «agnolotto» su qualsiasi motore di ricerca la prima cosa che ci viene suggerita è l’aggiunta di «piemontese». L’agnolotto piemontese è una delle più famose paste ripiene, nate come piatto povero in cui gli avanzi di carne venivano messi all’interno della pasta fatta con le uova (una ogni 100 grammi di farina), unito a una verdura tra verza, scarola e anche spinaci. La tradizione ha fatto nascere, nel tempo, molti pastifici in Torino e provincia, alcuni dei quali sono tutt’ora attivi o nati da poco. Il sito Dissapore.com è andata alla ricerca dei migliori presenti in città, di quelli che fanno la pasta fresca migliore, e li hanno etichettati come «senza rivali».

I migliori 5 pastifici di Torino per Dissapore.com

- PASTIFICIO BOLOGNESE-MUZZARELLI
Il pastificio «Bolgnese-Muzzarelli» si trova in via San Secondo 69 ed è un gran fornitore di pasta fresca. Oltre ai torinesi, fornisce le proprie creazioni anche ai ristoranti cittadini. Ciò che lo fa contraddistinguere è il rispetto della tradizione e le moltitudini di agnolotti che si possono acquistare: da quello alla Cavour (con un ripieno di carne e cervello di vitello), a quelli del plin, per passare ai tradizionali ripieni di tartufo, fino a quelli vegani. Vista l’origine bolognese del pastificio, qui si trovano anche i tortellini. Il prezzo medio della pasta fresca è di 20 euro al chilo.

- SAVURE’
Il pastificio «Savurè» ha aperto nel 2013 in via Garibaldi e, vista la particolarità della pasta take-away messa in un cartone, ha attirato subito l’attenzione di turisti e torinesi tanto da essere in procinto di sbarcare anche a Londra. Le molte varianti di pasta qui presenti possono essere mangiate anche in loco, oppure si può acquistare e cucinare a casa. Prezzo medio: 25 euro al chilo.

- DEFILIPPIS
Uno dei pastifici più longevi che va avanti dal 1872. Chi vuole provare la vera pasta ripiena piemontese non può non dare un salto in via Lagrange 39 dove c’è uno dei locali Defilippis a Torino. Qui non si acquista (o mangia) solo la pasta, ma anche altre specialità gastronomiche come l’insalata russa che si dice essere stata inventata dal cuore di corte dei Savoia in occasione della visita dello zar di Russia in Italia alla fine del 1800. Il prezzo medio è di 30 euro al chilo.

- PASTIFICIO VIRGILIO
Nato da 15 anni, il pastificio gestito da Virgilio Cucini e Davide Benedetto si è posta fin dall’inizio di seguire e divulgare la tradizione italiana. Anche qui c’è una particolarità: la pasta viene veduta in contenitori simili a quelli della pizza. Interessante la pasta integrale e quella vegana. Mediamente la pasta viene venduta a 19 euro al chilo.

- PASTIFICIO GRAN MADRE
Uno degli storici pastifici torinesi, nato nel 1969 e situato in via Villa della Regina 3, il pastificio «Gran Madre» fa pasta fresca di ogni tipo: agnolotti, plin, tajarin, gnocchi e sughi pronti. La particolarità è quella di poter assaggiare gli agnolotti crudi al fine di valutare il ripieno. Il prezzo medio al chilo è di 25 euro.

Questi sono quelli selezionati da Dissapore.com (qui l’articolo completo), secondo voi ce ne sono altri degni di nota? Segnalateceli all’indirizzo redazione@diarioditorino.it