26 ottobre 2020
Aggiornato 22:00
Omicidio di Castellamonte

Omicidio di Gloria Rosboch, aperta la cassetta di sicurezza ma i soldi non ci sono

I carabinieri hanno aperto la cassetta di sicurezza di Roberto Obert, ma all’interno non hanno trovato quei 187mila euro che Gloria Rosboch aveva dato a Gabriele Defilippi due anni fa

CASTELLAMONTE - La cassetta di sicurezza alla fine è stata aperta e ancora una volta a essere sbugiardato è stato Gabriele Defilippi, il 22enne che sosteneva che all’interno di quest’ultima si trovavano i soldi restanti di quei famosi 187mila euro consegnatigli da Gloria Rosboch due anni fa per iniziare una nuova vita insieme. Invece nella cassetta custodita nella filiale di Intesa Sanpaolo di Forno Canavese non c’era alcun contante, ma solo alcuni gioielli e titoli di Stato per un valore non superiore a 20mila euro. Un’inezia in confronto al tesoretto che i carabinieri speravano di trovare.