8 dicembre 2019
Aggiornato 11:00
Come cambia la città

Pulizia totale per i Murazzi, tra due mesi l'ex sede della movida torna com'era una volta

La pulizia dei muri dei Murazzi costeranno al Comune di Torino 135mila euro. Soldi che saranno versati ad Amiat, società che in primis si occuperà della pulizia delle arcate, ma non solo

TORINO - Tempo due mesi e i Murazzi saranno completamente diversi da oggi. Il Comune ha infatti deciso di ripulire da cima a fondo gli 800 metri di muri che costeggiano quello che fino a un paio di anni fa era il luogo della movida cittadina per eccellenza. Da cancellare ci sono scritte e graffiti che da tempo imbrattano le arcate, con un lavoro che impegnerà quotidianamente per le prossime otto settimane gli operai con pompe molto potenti e acqua nebulizzata, senza l’utilizzo di alcun solvente. Una tecnica recente, utilizzata per la prima volta a Torino per la pulizia di via Po e piazza Castello prima della visita del Papa lo scorso giugno.

Costo totale 135mila euro
La pulizia dei muri dei Murazzi costeranno al Comune di Torino 135mila euro. Soldi che saranno versati ad Amiat, società che in primis si occuperà della pulizia delle arcate, ma non solo. Sulla superficie rimessa a nuovo infatti sarà anche applicata una speciale pellicola che renderà la vita più difficile ai graffittari in futuro.

Prima i Murazzi, poi i quartieri della città
I lavori di pulizia non si dovrebbero fermare ai Murazzi. Da quanto è stato detto, l’amministrazione ha intenzione si occuparsi anche del resto della città, partendo da Barriera di Milano per poi spostarsi negli altri quartieri. Non si pensi però che il graffitismo sia messo al bando. Con gli artisti stessi si individueranno zone idonee in cui le scritte non saranno rimosse.