27 ottobre 2020
Aggiornato 09:30
La Mandria

Gli appartamenti Reali della Mandria tornano allo splendore dell'Ottocento

Dopo circa sei mesi di chiusura, riaprono al pubblico gli appartamenti Reali del Castello all'interno della Madria. Recuperati 60 arredi e più di 100 opere d'arte

VENARIA - Sessanta arredi, un centinaio di opere d'arte e un'infinità di tessuti pregiati. Dopo sei mesi di restauro, gli appartamenti Reali del Castello della Mandria riaprono oggi al pubblico rivelando tutte le proprie bellezze ottocentesche.

Nelle stanze del re rispunta il velluto
Grazie al minuzioso lavoro dei restauratori e ai 500 mila euro di finanziamento stanziato dalla Regione, nelle stanze appartenute al re Vittorio Emanuele II e a Rosa Vercellana è rispuntata la carta da parati in velluto, sin ora coperta da ben due strati di carta non originale. Ora, nei 1200 metri quadri di appartamenti sembra di essere tornati nel lontano e magnifico Ottocento.

Entro la fine dell'anno il Borgo del Castello
Se le stanze reali sono tornate all'antico splendore, lo stesso non si può ancora dire del Borgo del Castello, dove in passato era solita alloggiare la servitù insieme ai cacciatori del parco. La Regione, in linea con i restauri appena compiuti, si è quindi impegnata nel stanziare 5 milioni di euro entro la fine dell'anno per riportare agli antichi fasti questa meraviglia all'interno della Mandria.