20 agosto 2017
Aggiornato 13:30
Torino e i furbi dei mozziconi

300 euro a chi getta il mozzicone a terra: quante multe a Torino in oltre un mese dalla legge?

Dal 2 febbraio chi viene sorpreso a gettare il mozzicone di sigaretta per strada si becca una multa da 300 euro. A Torino quanto è cambiata la situazione in cinque settimane? E quante sanzioni sono state fatte?

La nuova abitudine, spegnerle e lasciarle sopra i cestini (© Diario di Torino)

TORINO - A inizio febbraio i fumatori hanno dovuto cambiare una delle più brutte abitudini che avevano: quella di gettare i mozziconi per terra. Sono stati costretti dall’entrata in vigore della legge che prevede 300 euro di multa a chi sia sorpreso a farlo. Ma in oltre un mese quante multe sono state fatte a Torino? Zero è la risposta.

Beccare i furbetti non è facile
Ce lo aveva detto il comandante della polizia municipale Alberto Gregnanini alla vigilia dell’entrata in vigore della legge e così è stato. Chi getta il mozzicone a terra si guarda bene in giro prima di farlo, oppure è nata la «moda» di chinarsi e buttarlo dentro i tanti tombini della città. Certo, c’è chi ha imparato a far pulizia correttamente, ma sono ancora tanti, sicuramente troppi, coloro che trovano il modo di disfarsene illegalmente. E per gli agenti riuscire a cogliere il colpevole in flagrante non è affatto facile. E fino a oggi, in cinque settimane, non è stato fatto alcun verbale.

Sono meno i mozziconi a terra, lo dice l’Amiat
Abbiamo già detto che se è vero che di multe non ce ne sono state, non è altrettanto vero che i fumatori abbiano perso l’abitudine a gettare i mozziconi a terra. C’è un però ed è positivo: le sigarette finite e buttate per strada sono sensibilmente diminuite. A dirlo è l’Amiat, la società che si occupa della pulizia della città, che ha notato piacevolmente il maggior senso civico ritrovato dai torinesi. A beneficiarne è stato soprattutto il centro di Torino, quello più frequentato ma anche quello più in vista e più controllato.