22 agosto 2017
Aggiornato 15:00
Carabinieri

Serra attrezzata, marijuana e contanti in casa: arrestato lo «spacciatore dei rave party»

Il produttore e spacciatore dovrà rispondere dell’accusa di produzione e detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio

AVIGLIANA - Dentro casa aveva 2 serre di marijuana con lampade per la coltivazione delle piante, contenenti 27 piantine in maturazione, 3,7 chilogrammi di marijuana essiccata confezionati in varie buste e barattoli, 87 bustine del peso complessivo di 820 grammi circa contenenti semi di marijuana. Ma non solo: anche diverse pubblicazioni per la coltivazione della cannabis e 6.870 euro in contanti, frutto dell’attività di spaccio. Questo è quanto hanno trovato i carabinieri di Avigliana durante la perquisizione domiciliare ai danni di un italiano di 38 anni, residente a Trana, segnalato da più persone come spacciatore abituale di rave party nell’ambito delle indagini per quello svoltosi nell’ex fonderia di Trana il 13 e 14 marzo scorsi.

«La mia droga è la migliore»
Da quanto è stato riferito ai carabinieri, il trentottenne non si limitava a spacciare, ma si vantava di produrre droga di altissima qualità. Adesso l’uomo dovrà rispondere dell’accusa di produzione e detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Nell’ambito della stessa indagini, i militari dell’Arma sono riusciti, nei giorni scorsi, ad arrestare anche un altro pusher che vendeva ketamina sempre ai rave party.  Si tratta di un italiano di 32 anni, titolare di un bar di Torino, in zona Aeronautica. In un blitz nella sua abitazione e nel locale, era stato trovato hashish e ketamina, un anestetico per animali, in particolar modo usato per addormentare i cavalli.