24 ottobre 2017
Aggiornato 09:00
ThyssenKrupp

Thyssen, dopo nove anni i processi sono finiti: confermate tutte le condanne

La Cassazione ha confermato le condanne per i sei imputati: le pene definitive sono tra i 6 anni e 3 mesi e i 9 anni e 8 mesi

TORINO - Bocciata la richiesta del procuratore generale Paola Filippi e confermate le condanne dell’appello-bis dalla Corte di Cassazione. Si chiude così dopo nove anni di processi la vicenda della Thyssen Krupp che nella notte tra il 5 e il 6 dicembre 2007 vide morire sette operai in un gravissimo incendio nello stabilimento di corso Regina Margherita.

Pene tra i 6 e i 9 anni
Le pene definitiva sono tra i 6 anni e 3 mesi (per i manager Marco Pucci e Gerald Priegnitz) e i 9 anni e 8 mesi (per l’amministratore delegato Harald Espenhahn). Condannati ancora gli altri dirigenti Daniele Moroni a 7 anni e 6 mesi, Raffaele Salerno a 7 anni e 2 mesi e Cosimo Cafueri a 6 anni e 8 mesi. "Questo cielo nero un po’ si è aperto», ha quasi urlato di gioia Antonio Boccuzzi, l’unico sopravvissuto di quella notte tragica, «oggi abbiamo avuto tanta paura perché le parole del procuratore generale erano inaspettate. Ma la giustizia, quando vuole, sa dare le risposte giuste, come è avvenuto stasera".

Supplemento alla testata giornalistica «Diario di Torino» registrata presso il Tribunale di Torino n. 21/2016 del 19/05/2016