7 aprile 2020
Aggiornato 22:30
Cena in Bianco 2016

Torna la Cena in Bianco, inizia la raccolta delle adesioni: quest'anno dove si farà?

Lo scorso anno in 21mila hanno partecipato alla «cena non convenzionale» fatta alla Reggia di Venaria. Quest'anno, con la quinta edizione, si punta a fare ancora meglio

TORINO - Si avvicina l’estate e torna l’ormai tradizionale appuntamento con la «Cena in Bianco», evento giunto alla quinta edizione che con il passare del tempo sembra piacere sempre più ai torinesi. Dopo il record dello scorso anno, quando alla Reggia di Venaria si presentarono quasi 22mila persone a mangiare in «total white», si cercherà di fare ancora meglio nel 2016. Sconosciute per il momento la location, che come tradizione sarà svelata solo pochi giorni prima dell’evento, e la data: lo scorso anno si era fatta il 5 luglio.

Poche regole, tanto divertimento
Se edizione dopo edizione la «Cena in Bianco» ha registrato sempre più iscritti ci sarà un perché. Mangiare insieme a decine di migliaia di sconosciuti all’aria aperta e in luoghi magici della città è un’attrattiva che in molti hanno voluto provare. E riprovare. Sì, perché c’è chi non si è perso nemmeno un’edizione, dalla prima nel 2012 in piazzetta Reale, alla seconda nel 2013 al parco della Tesoriera, alla terza nel 2014 in piazza San Carlo, fino all’ultima lo scorso anno alla Reggia di Venaria. Uno dei segreti della «Cena in Bianco» è la sua semplicità. Ci sono poche (ma rigorose) regole da seguire: oltre al dress code che impone di vestirsi di bianco dalla testa ai piedi, chiunque voglia partecipare lo può fare portandosi tutto da casa e quindi tavoli, sedie, cestini e borse frigo. Stesso discorso per il cibo con cui fare cena, ognuno se lo porta da casa e lo mangia in compagnia di amici e parenti oppure, come fanno in molti, con persone sconosciute con cui passare una serata diversa. Altra regola: niente posate e piatti di plastica o carta ma tovaglia e tovaglioli in tessuto, vetro e ceramica per gli accessori a tavola, portacandele, fiori e centrotavola, menu e segnaposti.

Per la nuova edizione sono aperte le adesioni
La macchina organizzativa per la nuova «Cena in Bianco» è già all’opera. Carlo Bentivoglio, Paolo Faretra e Antonella Bentivoglio d'Afflitto, rispettivamente consigliere, socio e presidente dell'associazione di promozione sociale "Cena in Bianco TobeUnconventional.it", hanno già iniziato a raccogliere le adesioni anche per capire il potenziale numero dei partecipanti e decidere di conseguenza la location della «cena non convenzionale». Come già detto, chiunque può partecipare, dai bambini agli adulti di qualsiasi età in maniera del tutto gratuita, cosa permessa grazie ai volontari White Angels "come sempre indispensabili». Per aderire basta cliccare qui.