7 aprile 2020
Aggiornato 23:30
Torino Calcio

Cairo allontana Immobile: «Non lo capisco, se non è entusiasta non ci penso nemmeno a riscattarlo»

Il patron del Torino ha parlato dell’attaccante campano e della possibilità che venga riscattato o meno dal Siviglia. Con il passare dei giorni i dubbi aumentano, soprattutto per la volontà del calciatore stesso

TORINO - Ciro immobile si allontana dal Toro. A confermarlo, in un’intervista a La Stampa, è il presidente Cairo. 

Il messaggio di Cairo a Immobile
Il numero uno granata, dopo aver parlato del neo tecnico Mihajlovic e confermato la pista Ventura-Nazionale, ha spiegato la situazione immobile: «Avevo voglia di riscattarlo, ma Petrachi mi ha detto che non è convinto. Ha degli atteggiamenti che non capisco e se non è entusiasta, non ci penso nemmeno a riscattarlo». Parole dure, in contrasto con quelle profuse qualche giorno fa quando lo stesso Cairo aveva detto di esser pronto a riscattarlo, se Ciro avesse voluto sposare la causa granata. Un vero e proprio messaggio al giocatore che, a questo punto, sarà l’unico artefice del proprio futuro.

Riscatto, più no che si
Arrivato nel mercato di gennaio, dopo un buon inizio Ciro Immobile ha avuto una flessione, legata soprattutto all’infortunio patito nel derby della Mole. La contemporanea esplosione di Belotti ha reso il campano un elemento sì importante, ma non indispensabile e l'attaccante ha chiuso la stagione con il bilancio di 5 reti in 14 apparizioni. Vi sono altri due elementi che allontanano Immobile dal Toro: il nuovo modulo di Sinisa, un 4-3-3 che rischia di tagliarlo fuori, e il prezzo del riscatto fissato a 11 milioni di euro.