21 ottobre 2017
Aggiornato 21:30
Sanità

All'ospedale di Rivoli arriva la nuova risonanza magnetica: farà diagnosi veloci e approfondite

L'investimento permetterà di portare gli esami effettuati in un anno da 8.500 a 12.000, grazie a una potenza e una velocità maggiore. I pazienti avranno inoltre la possibilità di avere diagnosi più approfondite e precise

RIVOLI - E’ un giorno di festa all’ospedale di Rivoli: la vecchia risonanza magnetica va ufficialmente in pensione, sostituita da una nuova macchina inaugurata nella giornata di oggi.

Da 8.500 a 12.000 esami all'anno
Soddisfatto Flavio Boraso, direttore generale dell’Asl To3: «L’apparecchiatura lavorerà più velocemente e con una precisione maggiore». Un dato importante, che consentirà di portare gli 8500 esami effettuati nel 2015 ai 12.000 stimati con la nuova risonanza. La macchina inaugurata oggi non farà solamente più risonanze, ma aumenterà l’accuratezza delle diagnosi, grazie a una maggiore potenza di 1 tesla rispetto a quella utilizzata in precedenza.

Un grande obiettivo: riportare i pazienti nelle strutture pubbliche
L’obiettivo è anche quello di spingere sempre più cittadini a rivolgersi alle strutture pubbliche e non private, garantendo il giusto mix tra qualità, sicurezza e agevolazioni. La risonanza, costata circa 2 milioni di euro, è considerata da Boraso un investimento irrinunciabile e capace di determinare un netto miglioramento della sanità dell’ospedale di Rivoli. A beneficiarne saranno solamente i pazienti.