13 novembre 2019
Aggiornato 09:00
Veneto Banca

Terremoto Veneto Banca: «bruciati» i soldi di Pirlo, Giovinco e Bettega

Roberto Bettega ci ha rimesso oltre un milione e mezzo di euro, più contenute le perdite degli altri due ex giocatori della Juventus. In Piemonte svaniti 575 milioni di euro

TORINO - Ci sono anche Andrea Pirlo, Sebastian Giovinco e Roberto Bettega tra gli investitori della Veneto Banca che nelle ultime ore hanno visto precipitare il valore delle proprie azioni a pochi centesimi perdendo cifre considerevoli. Gli ex giocatori delle Juventus sono tra gli oltre 87mila soci della Veneto Banca che hanno ricevuto la brutta notizia, tra questi 490 sono residenti nella provincia di Torino. Uno di questi è proprio il già citato Bettega: l’ex attaccante e dirigente bianconero, presente lo scorso anno nell’assemblea di Volpago di Montello, ci avrebbe rimesso oltre un milione e mezzo di euro. Cifre più basse per Pirlo e Giovinco: il campione del mondo del 2006, oggi tesserato con il New York City, ha visto scendere il valore delle proprie azioni e perdere circa 60mila euro, un po’ meno per la «formica atomica» del Toronto, circa 20mila euro.

L’azzeramento di Veneto Banca
Sono esattamente 87.502 i soci di Veneto Banca il cui valore delle azioni è sceso dai 40 euro ad una cifra compresa tra i 10 e i 50 centesimi. Un disastro finanziario che ha coinvolto vip, giocatori, politici, grandi e piccoli imprenditori, ma anche giovani, pensionati ed enti caritatevoli. Per l’88% si tratta di persone fisiche con un’età media di 60 anni e che quindi in Vento Banca avevano investito i risparmi di una vita. In Piemonte sarebbero svaniti 575 milioni di euro.