22 ottobre 2021
Aggiornato 05:00
Elezioni comunali a Torino

Ballottaggio, Appendino: «Pronta a raccogliere la voglia di cambiamento espressa da Rosso»

In conferenza stampa Roberto Rosso, candidato sindaco alle elezioni del 5 giugno, ha espresso voto contrario a Piero Fassino. Appresa la notizia, Appendino ha accolto le parole e parlato al riguardo

TORINO - «Ho appreso della conferenza stampa di Roberto Rosso. Sono pronta a raccogliere quella voglia di cambiamento espressa da lui e da tantissimi torinesi, come ho già ribadito più volte sono convinta che i voti appartengano ai cittadini, che devono esercitare un voto consapevole in base al programma e alle persone», a dirlo è la candidata sindaca del Movimento 5 Stelle, Chiara Appendino, a margine di una visita ai mercati di via Porpora e piazza Foroni in concomitanza con la conferenza indetto da Rosso per dire la sua a proposito del ballottaggio del prossimo 19 giugno.

«Sistema Torino? No, competenze di merito»
Una delle critiche mosse da Roberto Rosso sul Sistema Torino e al sindaco uscente Piero Fassino è quella della mancanza di merito nelle nomine, troppo spesso invece coincidenti con le parentele. A questo Appendino si dice d’accordo con l’ex onorevole: «Torino ha bisogno di essere nuovamente aperta alla competenza e al merito. Come più volte abbiamo detto, lo slancio propulsivo che deriva dal piano strategico si è ormai esaurito e, purtroppo, assistiamo ad un sistema chiuso nel quale vengono nominate sempre le stesse persone». Principi che sottolinea di aver scelto nel valutare le persone da inserire nella sua Giunta comunale: «Ho seguito i principi di trasparenza e competenza per scegliere la mia giunta, dando la possibilità a coloro che avessero voluto mettersi a disposizione della città. Da Sindaco seguirò il medesimo metodo anche per le future nomine e mi impegno a inserire il semestre bianco per impedire negli ultimi sei mesi di mandato di effettuare nomine»