17 novembre 2017
Aggiornato 22:00
Elezioni comunali di Torino 2016

Quaranta eletti, molti i volti nuovi: ecco come sarà composto il Consiglio comunale

Tanti non sono mai stati a Palazzo Civico, soprattutto tra gli eletti del Movimento 5 Stelle che occupano una parte considerevole della Sala Rossa. Oltre ai 24 seggi della maggioranza, ne ha 9 il Pd, 1 i Moderati, la Lega Nord, la lista civica per Fassino e i candidati sindaco Rosso, Morano, Napoli e Airaudo.

I consiglieri comunali della prossima Sala Rossa (© Diario di Torino)

TORINO - Tra un mese, quando ci sarà il primo Consiglio comunale, la Sala Rossa sarà parecchio diversa da quella vista nell’ultima seduta, quando a presiedere i lavori c’era il Moderato Giovanni Porcino, non rieletto, e a capo della Giunta il sindaco Piero Fassino, sconfitto al ballottaggio. Proprio il risultato dell’ultima votazione porta un’aria di rivoluzione anche a Palazzo Civico in cui arrivano quaranta consiglieri, molti dei quali sono volti nuovi, la maggior parte proprio del partito più votato della città, cioè il Movimento 5 Stelle. E saranno i grillini a formare la maggioranza con 24 seggi, a cui ovviamente si aggiunge il neo sindaco e i suoi assessori. L'opposizione non è mai stata così divisa: oltre al Partito Democratico che si aggiudica 9 postazioni in Sala Rossa, un seggio a testa per Lega Nord, Moderati, lista civica per Fassino, candidato sindaco Roberto Rosso, candidato sindaco Osvaldo Napoli, candidato sindaco Giorgio Airaudo e candidato sindaco Alberto Morano.

I nomi degli eletti: il Movimento 5 Stelle
Tra gli oltre 35 grillini - tra consiglieri, sindaco e Giunta - che entreranno in Sala Rossa, solo Chiara Appendino ha una legislatura alle spalle. Per gli altri è una prima assoluta e qualcuno degli eletti fino a oggi non aveva mai neanche varcato la porta di Palazzo Civico. Il più votato è stato Damiano Carretto con 810 preferenze. Seguono Maura Paoli (777), Valentina Sganga (699), Daniela Albano (568), Monica Amore (565), Fabio Versaci (519), Viviana Ferrero (455), Francesco Sicardi (444), Antonio Iaria (441), Federico Mensio (406), Andrea Russi (386), Barbara Azzarà (380), Chiara Giacosa (356), Giovanna Buccolo (351), Fabio Gosetto (319), Deborah Montalbano (308), Serena Imbesi (299), Antonio Fornari (290), Massimo Giovara (281), Carlotta Tevere (263), Marco Chessa (249), Cataldo Curatella (231), Roberto Malanca (215), Alberto Unia (207).

All’opposizione gli ex assessori di Piero Fassino
In attesa di sapere se Piero Fassino farà il consigliere comunale di opposizione, cosa che sembra assai difficile, il quadro che si delinea vede molti ex assessori della Giunta dell’ultima legislatura confermati in Sala Rossa ma in qualità di consiglieri. Il primo eletto, a parte l’ex sindaco Fassino appunto, è Stefano Lo Russo (2541 voti) che anticipa l’altro ex assessore Enzo Lavolta (1893). Seguono Mimmo Carretta (1667), Maria Grazia Grippo (1556), Chiara Foglietta (1503), Elide Tisi (1452), Monica Canalis (1372). Un solo seggio per i Moderati occupato da Silvio Magliano (2139 voti), uno solo per la Lega Nord con Fabrizio Ricca (1029) e altrettanti per la lista civica per Fassino con Francesco Tresso (904). Il resto dell’opposizione sarà composto dai candidati sindaco Roberto Rosso, Alberto Morano, Giorgio Airaudo e Osvaldo Napoli.