19 giugno 2019
Aggiornato 18:30
Evasione fiscale

Cooperativa sociale evade mezzo milione di euro, denunciato il titolare

Gli investigatori hanno scoperto un vorticoso giro di fatture false, utilizzate per aumentare fittiziamente i costi negli anni 2011 e 2012

IVREA - Doveva essere una società senza scopo di lucro che favoriva l’inserimento nel lavoro di persone svantaggiate, invece frodava il fisco per centinaia di migliaia di euro. La guardia di finanza di Ivrea ha denunciato il titolare di una cooperativa canavesana - attiva nel settore edile e degli appalti - per dichiarazione fraudolenta mediante fatture false e utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Costi fasulli per un milione di euro
Nello specifico, le indagini hanno scoperto un radicato e vorticoso giro di fatture false, utilizzate per aumentare fittiziamente i costi della cooperativa negli anni 2011 e 2012. Un sistema che ha permesso alla società di ottenere un notevole illecito risparmio d’imposta attraverso una sovraesposizione di costi, talvolta mai sostenuti. Nel corso delle investigazioni - durate quasi un anno - è infatti emerso che la cooperativa ha occultato al fisco oltre 300mila euro di ricavi e indicato costi fasulli per circa 1 milione di euro, di cui 500mila derivanti da fatture false emesse da altre imprese del canavese, tra l’altro già attenzionate dalle fiamme gialle nei mesi scorsi. Dulcis in fundo, all’appello mancano anche 200mila euro di IVA.

Chiesto sequestro di beni al titolare
Nei confronti del soggetto denunciato, è stata avanzata una proposta di sequestro di beni e valori per equivalente, allo scopo di garantire la restituzione alla collettività delle risorse illecitamente sottratte.