19 aprile 2019
Aggiornato 07:00
Dalla Sala Rossa

Gossip dalla Sala Rossa: Fassino assente, cambio posto per la minoranza e look casual per Appendino

Si è aperto così il Consiglio comunale straordinario convocato per illustrare la delibera per l’autorizzazione alla costituzione di pegno sulle azioni di Iren

TORINO - Minoranza schierata tutta alla sinistra del sindaco, assenza di Piero Fassino e vestito casual della prima cittadina Chiara Appendino. Si è aperto così il Consiglio comunale straordinario convocato per illustrare la delibera per l’autorizzazione alla costituzione di pegno sulle azioni di Iren.

Cambio di postazione per Morano, Rosso e Ricca
«Abbiamo dovuto spostarci», dice sorridendo il capogruppo della Lega Nord Fabrizio Ricca prima dell’inizio del Consiglio comunale. E notarlo non è stato difficile: con lui si sono spostati anche coloro che erano contrari a un cambio di poltrona in Sala Rossa, e cioè i due candidati sindaco Roberto Rosso e Alberto Morano. Una formalità certo, ma che negli scorsi giorni aveva creato qualche malumore e diverse polemiche.

Il consigliere Fassino assente
Durante il primo Consiglio comunale è intervenuto più volte citando anche i suoi cinque anni da primo cittadino. Assente invece nel secondo appuntamento Piero Fassino, oggi consigliere di una minoranza capeggiata dall’ex assessore Stefano Lo Russo (presente) e da reduci della vecchia Giunta comunale come Elide Tisi, Enzo Lavolta (presenti) e Claudio Lubatti (assente).

Look casual per il sindaco Appendino
Fino a oggi in ogni uscita ufficiale si era mostrata elegante, spesso di bianco vestita. Oggi, sarà per il tanto lavoro, sarà perché inizia a essere normalità l’essere prima cittadina, Chiara Appendino è entrata in Sala Rossa con una t-shirt grigia e una gonna blu. La tenecia, invece, è stata sempre la stessa.