20 febbraio 2019
Aggiornato 07:00
Dalla Sala Rossa

Gossip dalla Sala Rossa: Fassino assente, cambio posto per la minoranza e look casual per Appendino

Si è aperto così il Consiglio comunale straordinario convocato per illustrare la delibera per l’autorizzazione alla costituzione di pegno sulle azioni di Iren
Secondo consiglio comunale
Secondo consiglio comunale Diario di Torino

TORINO - Minoranza schierata tutta alla sinistra del sindaco, assenza di Piero Fassino e vestito casual della prima cittadina Chiara Appendino. Si è aperto così il Consiglio comunale straordinario convocato per illustrare la delibera per l’autorizzazione alla costituzione di pegno sulle azioni di Iren.

Cambio di postazione per Morano, Rosso e Ricca
«Abbiamo dovuto spostarci», dice sorridendo il capogruppo della Lega Nord Fabrizio Ricca prima dell’inizio del Consiglio comunale. E notarlo non è stato difficile: con lui si sono spostati anche coloro che erano contrari a un cambio di poltrona in Sala Rossa, e cioè i due candidati sindaco Roberto Rosso e Alberto Morano. Una formalità certo, ma che negli scorsi giorni aveva creato qualche malumore e diverse polemiche.

Il consigliere Fassino assente
Durante il primo Consiglio comunale è intervenuto più volte citando anche i suoi cinque anni da primo cittadino. Assente invece nel secondo appuntamento Piero Fassino, oggi consigliere di una minoranza capeggiata dall’ex assessore Stefano Lo Russo (presente) e da reduci della vecchia Giunta comunale come Elide Tisi, Enzo Lavolta (presenti) e Claudio Lubatti (assente).

Look casual per il sindaco Appendino
Fino a oggi in ogni uscita ufficiale si era mostrata elegante, spesso di bianco vestita. Oggi, sarà per il tanto lavoro, sarà perché inizia a essere normalità l’essere prima cittadina, Chiara Appendino è entrata in Sala Rossa con una t-shirt grigia e una gonna blu. La tenecia, invece, è stata sempre la stessa.