Anatre e oche scongelate tra le frattaglie: erano destinate ai ristoranti cinesi

Il cibo, conservato in malo modo, è stato ritrovato su un furgone guidato da un cittadino cinese di 52 anni con precedenti penali. Il guidatore non ha specificato a chi fosse rivolto il carico
Il furgone è stato fermato in corso Massimo D'Azeglio
Il furgone è stato fermato in corso Massimo D'Azeglio ()

TORINO - Ancora del cibo conservato male, questa volta destinato a qualche ristorante cinese non ancora identificato. Granchi congelati, anatre e oche eviscerate in scatole di cartone, trasportate in mezzo alle loro frattagli in un frigo spento: è quanto hanno ritrovato gli agenti del commissariato Barriera Nizza all'interno di un furgone Fiat Ducato, guidato da un cittadino cinese di 52 anni regolare sul territorio ma con alcuni precedenti penali.

Cibo scongelato e privo di documentazione
Quando i poliziotti hanno fermato e ispezionato il furgone in corso Massimo D'Azeglio, al suo interno vi erano circa 80 pezzi di prodotti di origine animale ma privi di regolare documentazione di scorta e senza alcuna etichetta italiana. I prodotti, teoricamente congelati erano in realtà scongelati completamente. L’autista, nonché titolare del mezzo, non ha voluto specificare a quale ristorante fosse destinato il carico ed è stato denunciato dagli agenti di Polizia per il reato di distribuzione per il consumo di sostanze alimentari in cattivo stato di conservazione.