26 ottobre 2020
Aggiornato 21:30
Piazzetta Umbria

La panchina di piazzetta Umbria diventa il ricordo di Andrea Soldi: «Che non accada mai più»

A un anno dalla sua morte, la circoscrizione e i genitori di Andrea Soldi sono riusciti a dedicare al «ragazzone» morto in seguito al Tso la panchina di piazzetta Umbria

TORINO - Nessuno dimenticherà più Andrea Soldi in piazzetta Umbria. Da ieri pomeriggio la panchina che per dodici mesi è stato tempio su cui erano poste le sue foto e i fiori di chi gli voleva bene, è diventato il monumento alla sua memoria.  Colorata di rosso come la squadra di calcio che lui tifava, il Torino, la panchina sulla sinistra presenta anche tre stelle alpine perché amava la montagna. «Andrea», si legge sulla spalliera, «faremo tutto il possibile affinché quello che è successo a te non accada mai più». A trasformare la panchina, di fronte a decine di persone incuriosite, è stato Karim Cherif, l’artista che mesi fa si era occupato delle panchine rosse come simbolo contro la violenza sulle donne.