18 agosto 2019
Aggiornato 03:30
Cronaca

Va in vacanza lasciando 31 gatti feriti tra gli escrementi: imprenditore nei guai

Quando i veterinari sono intervenuti, gli animali si trovavano in condizioni sanitarie disastrose. Un particolare insospettisce gli investigatori: la maggior parte dei felini ritrovati è di origine persiana


COLLEGNO - Li hanno trovati i veterinari dell’Asl To3 insieme agli agenti della pulizia municipale di Collegno: 31 gatti, perlopiù di origine persiana, tenuti in condizioni di salute disastrosa in un grosso container diviso in due per separare maschi e femmine, sito in un cortile di una ditta appartenente a un imprenditore partito per le vacanze «abbandonando» i felini al proprio destino.

Il mistero dei gatti persiani tenuti in condizioni disastrose
L’uomo aveva creato una specie di ricovero per gli animali, ma quando i veterinari sono arrivati sul posto hanno trovato i gatti feriti e in mezzo ai propri escrementi: non di certo la condizione ideale per vivere le proprie giornate. Il blitz è scattato in seguito a diverse segnalazioni pervenute alle forze dell’ordine da parte dei cittadini che abitano la  zona. La struttura è stata messa sotto sequestro, mentre i felini sono stati affidati al gattile comunale che si occuperà di vigilarne la salute, viste le condizioni sanitarie precarie. Il proprietario della ditta aveva incaricato un uomo di fiducia di nutrire gli animali in sua assenza. Non appena tornerà dalle vacanze, l’uomo verrà ascoltato dagli investigatori per chiarire come mai abbia tenuto in quello stato i gatti e come mai siano quasi tutti di origine persiana: per il momento non si esclude alcuna ipotesi.