26 maggio 2018
Aggiornato 15:30
Cronaca

Si nasconde in un balcone per sfuggire alla polizia: arresto rocambolesco in corso Trapani

La polizia, giunta sul posto grazie alla segnalazione di un cittadino, ha faticato non poco per arrestare il ladro. Nelle operazioni infatti sono dovuti intervenire anche i vigili del fuoco

TORINO - L’ennesimo furto a bordo di un’auto, questa volta sventato grazie all’immediata segnalazione di un cittadino che ha allertato la polizia e consentito agli agenti di cogliere il ladro in flagrante. E’ successo ieri sera, poco dopo le 23 in corso Trapani angolo via Rubiana dove malvivente ha rotto il vetro di un suv, con il chiaro intento di rubare qualsiasi cosa trovata all’interno dell’abitacolo. Il giovane ladro, un cittadino moldavo di 23 anni irregolare sul territorio nazionale, ha visto arrivare la polizia e si è dato alla fuga salendo fino al sesto piano di un condominio di corso Trapani.

La fuga rocambolesca e l'arresto
Per sfuggire agli agenti il ragazzo si è calato su un balcone privato, passando da una porta finestra. I poliziotti, dopo aver appurato che l’appartamento in questione fosse vuoto e i padroni di casa in vacanza, hanno cercato di convincere il ladro a scendere e a consegnarsi. Per procedere in totale sicurezza, un funzionario della polizia lo ha raggiunto con il cestello messo a disposizione da un mezzo dei vigili del fuoco giunti in supporto e, dopo una lunga chiacchierata, lo ha convinto a scendere. Dopo aver «toccato terra» il giovane è stato tratto in arresto per tentato furto aggravato su autovettura, resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per danneggiamento e possesso ingiustificato di strumenti atti allo scasso, essendo stato trovato in possesso di tre cacciaviti e di una chiave inglese.