23 ottobre 2018
Aggiornato 21:30

Fifa 2017 contro Pes 2017, la Juventus in uno dei due giochi sarà PM Black White

La società bianconera ha firmato un contratto in esclusiva con la Ea Sports. Pro Evolution Soccer 2017 sarà quindi priva di nome e divisa ufficiale
Accordo in esclusiva della Juventus con la Ea Sports
Accordo in esclusiva della Juventus con la Ea Sports ()

TORINO - Chi gioca da anni a Pro Evolution Soccer, uno dei due giochi calcistici che da anni si contende lo scettro di migliore simulatore insieme a Fifa, è già abituato alla mancanza delle licenze di alcune squadre e giocatori. E con il passare degli anni la cosa pare non essere completamente cambiata, tanto che chi quest’anno acquisterà Pes 2017 si troverà senza diversi «nomi reali». Primo fra tutti quello della Juventus. Il club di corso Galileo Ferraris infatti ha siglato un accordo di tre anni in esclusiva con la Ea Sports, la dittà che produce Fifa, e il concorrente dovrà accontentarsi di chiamare la squadra di Massimiliano Allegri con il nome di PM Black White, come ha già ufficializzato la Konami.

Un ritorno al passato di quasi 15 anni
Trovare la Juventus sotto un altro nome rispetto a quello reale era cosa che nel 2002, con Pro Evolution Soccer 2, era cosa normalissima. All’epoca la Vecchia Signora si chiamava Piemonte. Ma non era l’unica nota stonata, quasi tutto il gioco era caratterizzato dalla mancanza di licenze ufficiali. Quest’anno invece per la serie A oltre alla Juventus manca solo il Sassuolo che si chiamerà Sansagiulio.

Juventus come Real Madrid, Bayern Monaco e alla Premier
Se per la serie A la Juventus e il Sassuolo sono le eccezioni perché tutte le altre squadre hanno loghi, divise e nomi ufficiali, la stessa cosa non si può dire per gli altri campionati esteri. Solo in Germania c’è l’assenza del solo Bayern Monaco di Carlo Ancelotti , in Spagna mancano praticamente tutti i club (tranne il Barcellona che è la punta di diamante della Konami e l’Atletico Madrid) e la lega si chiama Spanish League, così come la Premier si chiama English League ed è formata da squadre fantasiose più il Liverpool e l’Arsenal. Stesso problema di licenze anche per gli stadi, cinque quelli presenti riprodotti fedelmente: il Camp Nou di Barcellona, San Siro di Milano, l’Olimpico di Roma, il St. Jacob Park di Basilea e il Saitama Stadium 2002.