15 novembre 2019
Aggiornato 23:30
Comune Torino

Il Comune di Torino assume 112 dipendenti: «Nuovi posti di lavoro per combattere la crisi»

Il via libera è arrivato nella giornata di ieri dall’esecutivo di Palazzo Civico. Soddisfatto l’assessore Rolando: «Maggiori risparmi e più efficenza»

TORINO - Novanta persone assunte a tempo indeterminato entro la fine dell’anno: la «macchina comunale» si rinnova. Il via libera è arrivato ieri mattina dall’esecutivo di Palazzo Civico, che ha autorizzato l’assunzione di 112 nuovi dipendenti con contratti senza vincoli temporali. Oltre alle novanta persone sopracitate infatti, altre ventidue verranno impiegate nelle scuole per l’infanzia con la funzione di assistenti educativi.

Rolando: «Nuove opportunità di lavoro non precario»
Nello specifico si tratta di 30 funzionari amministrativi, 60 impiegati e 22 operatori per servizi educativi. La stessa delibera inoltre prevede l’inserimento di ulteriori 17 unità (15 tecnici, un avvocato e un responsabile pedagogico attraverso la mobilità volontaria. A spiegare le nuove assunzioni è Sergio Rolando, assessore al Bilancio e alle Risorse Umane: «L’approvazione del piano per il 2016 è in linea con la già avviata riorganizzazione della macchina comunale e con il processo finalizzato a ottenere maggiori risparmi e un più alto livello d’efficenza nella gestione del personale». Con questa delibera il Comune riuscirà a contenere quindi i costi, senza però rinunciare a nuove assunzioni. Il nuovo personale verrà inserito dopo un periodo di formazione e garantirà continuità di prestazioni nei vari uffici e servizi comunali. «Una scelta che, peraltro, offre un’opportunità di lavoro non precario a oltre un centinaio di persone in un momento di crisi economica e occupazionale ancora sentita nella nostra città».