27 maggio 2020
Aggiornato 02:30
Regalo di Natale

Parte dello stipendio per le zone terremotate, 19mila euro dalla Città della Salute

Un dono di Natale per le zone colpite dal terremoto nella scorsa estate da parte dei dipendenti della Città della Salute di Torino. Rinunciando a parte dello stipendio hanno racimolato quasi 20mila euro

TORINO - I dipendenti della Città della Salute di Torino hanno fatto un gran gesto e un bel regalo per le persone residenti nelle zone colpite dal terremoto nella scorsa estate. In 9.500 hanno donato parte del proprio stipendio, raccogliendo così una cifra di 19.316 euro. Un’iniziativa nata dall’amministrazione, in accordo con tutte le sigle sindacali, che ha visto il coinvolgimento di medici, dirigenza e comparto sanitario e amministrativo della Città della Salute che, in modo volontario, hanno contribuito donando uno o più ore del proprio lavoro.

L’assegno consegnato dal direttore Zanetta
I soldi raccolti - oltre 19mila euro - sono stati consegnati dal direttore generale della Città della Salute, Gian Paolo Zanetta, al presidente della Fondazione La Stampa-Specchio dei Tempi, Ludovico Passerin d’Entreves. Già in riferimento ai mesi di settembre, ottobre e novembre, l’azienda sanitaria aveva deciso di devolvere quanto incassato per ricostruire le scuole di Arquata del Tronto.