25 giugno 2017
Aggiornato 22:30
Metropolitana Torino

Da Leopardi a Shakespeare, i grandi classici della poesia risuonano in metropolitana

Diciannove poeti, otto voci e settanta poesia accompagneranno per 5 volte al giorno i viaggi dei torinesi e dei turisti. Un modo straordinario per ribadire l'animo gentile di una città dalla forte anima culturale come Torino

TORINO - Provate a immaginarvi la scena: state aspettando la metropolitana in stazione e nella fretta, tra un messaggio al cellulare e uno sguardo d'attesa verso il treno in arrivo, i vostri pensieri vengono interrotti da una voce calda, che recita una poesia di Giacomo Leopardi. O Pablo Neruda. O ancora di William Shakespeare e di tanti altri grandi poeti. Ecco, a partire da quest'anno questa scena diventerà una piacevole consuetudine per i cittadini torinesi e i turisti grazie al progetto "Metro Poetry".

Settanta poesie, 19 autori e 8 voci
Diciannove poeti, otto voci e settanta poesia, allieteranno i passeggeri della metropolitana di Torino per 5 volte al giorno, trasformando una piccola consuetudine come quella di aspettare il mezzo di trasporto in un grande momento di cultura. Sarà la radio Gtt, tra una canzone e l'altra, a mandare in onda i versi poetici. I versi scelti sono quelli dei grandi classici: Foscolo, Edgar Allan Poe, Garcia Lorca, gli autori sopracitati e tanti altri poeti.

Poesie fino a metà aprile
Nicoletta Fabrizio, dell'associazione culturale Young Writers & Storytellers (coloro che hanno ideato l'iniziativa), spiega a La Stampa: «Ci piaceva l'idea non solo di far conoscere le poesie a chi ne è a digiuno, ma di cullare i viaggiatori con i loro ricordi». Poesia per i più giovani quindi, ma anche per i viaggiatori più attempati. Un modo straordinario per ribadire l'animo gentile di una città dalla forte anima culturale come Torino. Le raccolte dei brani sono state messe a disposizione dalle case editrici Guanda, Giunti, Adelphi e Newton Compton. L'iniziativa accompagnerà i viaggi dei torinesi sino a metà aprile, ma chissà che non possa essere prorogata in caso di grande successo.