17 dicembre 2018
Aggiornato 12:30

Esplosione in una centrale nucleare francese, tecnici Arpa monitorano la situazione

Dopo qualche ora di apprensione, l’allarme pare essere rientrato: non esiste alcun rischio di contaminazione ambientale in Piemonte
L'esplosione è avvenuta questa mattina, intorno alle 8:40
L'esplosione è avvenuta questa mattina, intorno alle 8:40 ()

TORINO - Prima la paura, poi il sospiro di sollievo. Sono state ore di apprensione in Francia, in Italia (e in tutta Europa) dopo l’esplosione avvenuta questa mattina in una centrale nucleare di Flamanville, in Normandia. I tecnici dell’Arpa Piemonte si sono subito attivati per riscontrare eventuali anomalie in quanto il rilascio di materiale radioattivo sarebbe potuto arrivare sino da noi. Per fortuna vi sono buone notizie: «Al momento, non sono pervenute informazioni da parte dei circuiti internazionali di pronta notifica degli incidenti nucleari. Non risulterebbe quindi esserci stato, allo stato attuale, alcun rilascio radioattivo».

Valori radioattivi nella norma
A seguito dell’incidente, avvenuto intorno alle 08:40 del mattino, si è anche sviluppato un incendio. Dalla centrale nucleare di Électricité de France fanno sapere come il rogo si sia sviluppato nell’impianto del reattore 1, in una zona «non nucleare». In ogni caso, il reattore è stato spento a titolo precauzionale. Non vi è pertanto alcun rischio di contaminazione ambientale e l’emergenza è stata dichiarata conclusa. In ogni caso, l’Arpa Piemonte ha deciso di intensificare le normali attività di monitoraggio della radioattività ambientale, anche se i valori registrati sin ora sono attualmente nella norma.