17 dicembre 2018
Aggiornato 12:30

Blocco di tutti i diesel, estensione della Ztl e nuovi tram: le novità per combattere lo smog

Presto le nuove misure e limitazioni saranno rese ufficiali dalla Giunta comunale della sindaca Chiara Appendino. Per l’assessore all’Ambiente Stefania Giannuzzi le limitazioni applicate fino a oggi sono state inefficienti
Smog: cambiano le regole per il blocco del traffico veicolare
Smog: cambiano le regole per il blocco del traffico veicolare (ANSA)

TORINO - Si cambiano le regole perché la qualità dell’aria continua a non migliorare. L’assessore all’Ambiente Stefania Giannuzzi ha preannunciato quello che intende fare la Giunta della sindaca Chiara Appendino nella lotta alle polveri sottili. Se fino a oggi dopo sette giorni consecutivi di PM10 superiore al valore di 50 microgrammi per metro cubo si bloccava la circolazione delle auto fino alla diesel Euro 3, con le nuove e più ristrette limitazioni si fermeranno anche le vetture diesel Euro 4. Se la situazione dovesse peggiorare ulteriormente e gli sforamenti superassero i 100 microgrammi per metro cubo per tre giorni a essere bloccati saranno tutti i mezzi con motore diesel e la Ztl sarà off limits per tutti i veicoli, a prescindere dall’alimentazione.

Protocollo fino a oggi inefficiente
Le limitazioni applicate fino a oggi non sono bastate. Su questo è stato chiaro anche l’assessore Giannuzzi: «A oggi gli sforamenti della soglia dei 50 microgrammi sono già 30 a fronte di un limite annuale previsto dalle norme europee di 35 sforamenti. Nel 2013 ne sono stati totalizzati 91, 73 nel 2014, 88 nel 2015, 73 nel 2016». Da ricordare che i blocchi applicati sino a oggi derivano dall’ordinanza comunale numero 81 del dicembre scorso con il recepimento del protocollo operativo della Regione Piemonte.

Domeniche ecologiche e bus elettrici
Allo studio della Giunta comunale ci sono anche alcune deroghe alla delibera e soprattutto alcune domeniche ecologiche. Ma non solo: tra le misure strutturali allo studio per i prossimi mesi c’è un «piano della qualità dell’aria», che recepisca quello regionale, attualmente in fase di approvazione, e le misure in preparazione da parte dell’assessorato alla viabilità. Queste prevedono la messa in funzione nell’estate 2017 di 20 bus elettrici di Gtt, di 700 colonnine elettriche di ricarica e del sistema di priorità semaforiche dedicato ai tram. Entro l’inverno poi ci saranno nuove regole per la Ztl e un suo ampliamento. E’ inoltre prevista per gennaio 2018 la revisione del Piano urbano di mobilità sostenibile. Infine con i fondi del «Patto per Torino» entreranno in servizio nuovi tram. Infine è allo studio per i mezzi comunali e delle partecipate un carburante a basso impatto ambientale.