12 dicembre 2018
Aggiornato 19:00

Cancro al seno, a Torino apre il nuovo Centro di Ricostruzione e Ristrutturazione Mammaria

Porte aperte l'8 marzo al nuovo Centro di Ricostruzione e Ristrutturazione Mammaria di Torino. Il presidente di Clinica Sedes Sapientiae parla di un calendario di eventi che si terranno presso il centro 

TORINO  - Gli interventi per operare il tumore al seno, una delle neoplasie femminili più diffuse, possono lasciare nelle donne ferite profonde, tanto fisiche quanto psicologiche. Dal Centro di Ricostruzione e Ristrutturazione Mammaria si pongono un obiettivo ambizioso: restituire alle donne colpite da cancro al seno la propria femminilità. Come? 

Come nasce il C.R.R.M.?
Si parte dal presupposto che la ricostruzione mammaria debba essere considerata a tutti gli effetti una parte del trattamento per la cura del tumore al seno. Questa infatti permette di eliminare le protesi mobili, con conseguente miglioramento psicologico ed estetico, e non interferisce con le terapie oncologiche o con altre indagini diagnostiche. L’idea di creare un centro che si occupi appositamente di questo aspetto nasce dall’esperienza di due specialisti torinesi della chirurgia plastica: Edro Colombini, fondatore della «Breast Unit» dell’Ospedale CTO e Sant’Anna e Alessandro Rivolin, Responsabile di chirurgia ricostruttiva mammaria presso l’Istituto IRCCS di Candiolo.

Porte aperte l'8 marzo
«La giornata dell’8 marzo", dichiara Emilio Giusta, presidente della Clinica Sedes Sapientiae, «inaugura un calendario di iniziative che intendiamo proporre nel corso dell’anno, legate a specifiche patologie o a giornate significative. L’obiettivo è quello di offrire un servizio ai cittadini e far conoscere la qualità delle cure e dei servizi garantiti dalla Sedes Sapientiae»
In occasione della Festa della Donna quindi la Clinica Sedes Sapientiae di via Bidone 31, che accoglie al suo interno il Centro di Ricostruzione e Ristrutturazione Mammaria, proporrà una giornata di visite gratuite, dalle 14 alle 19. Per informazioni e prenotazioni è possibile telefonare al numero: 011.46.77.811.