17 dicembre 2018
Aggiornato 12:30

Sospetto caso di meningite, ragazzino di 17 anni ricoverato all’Amedeo di Savoia

Il giovane, francese, si trovava a Bardonecchia in vacanza quando febbre alta e mal di testa lo hanno costretto al pronto soccorso di Susa. Dopo i primi esami è stato trasferito prima a Rivoli e poi a Torino
Sospetto caso di meningite all'Amedeo di Savoia
Sospetto caso di meningite all'Amedeo di Savoia ()

TORINO - Nuovo sospetto caso di meningite nel torinese. Un ragazzino francese di 17 anni è ricoverato all’ospedale Amedeo di Savoia, polo di riferimento regionale per la diagnosi e la cura delle malattie infettive, dopo che venerdì scorso era stato colto da febbre alta e mal di testa mentre si trovava con un gruppo di una sessantina di persone a Bardonecchia per una vacanza. Viste le condizioni del minorenne, è stato deciso di portarlo al pronto soccorso dell’ospedale di Susa. Poi, dopo i primi accertamenti a cui è risultato positivo, c’è stato il trasferimento al nosocomio di Rivoli e infine a quello di Torino.

Nessun problema, caso non grave
Solo nella giornata odierna si saprà con maggiore certezza se i malori del diciassettenne siano dovuti davvero a meningite e, nel caso, a quale forma, contagiosa oppure no. A dirlo saranno i risultati dei nuovi esami, ma per il momento non c’è stato alcun allarmismo, basti pensare che in un primo momento non era stato avvisato nemmeno il sindaco di Bardonecchia Francesco Avato, cosa obbligatoria nei casi più gravi. E dopo il controllo all’interno della struttura in cui ha soggiornato il ragazzo, il Villaggio Olimpico che contiene fino a mille posti letto, è stato dato il via libera a tenere aperta la struttura con la profilassi solo per il gruppo che aveva viaggiato con il diciassettenne e non per gli altri turisti.