19 settembre 2021
Aggiornato 00:30
La presentazione con il Ministro Del Rio e la stazione bloccata

Polizia e Carabinieri presidiano la stazione di Porta Susa: ecco perché

In tanti ci avete chiesto il motivo di una presenza così ingente di forze dell’ordine nei pressi della stazione ferroviaria. Nulla da temere, semplice servizio di prevenzione.

TORINO - Un forte dispiegamento di forze dell’ordine, tale da far preoccupare qualcuno. E’ questa la scena che si è presentata questa mattina, a partire dalle ore 09:00 davanti e all’interno della stazione di Porta Susa. Polizia, carabinieri e guardia di finanza presenti in massa, con una parte della stazione interdetta al pubblico. Il motivo? La presentazione del libro Ansa sulla Torino-Lione, la Tav.

La presentazione con il ministro Del Rio e la stazione bloccata
Ansa, in collaborazione con Telt (la società incaricata alla costruzione dell’opera) ha raccontato 26 anni di Tav tra cantiere, vicende di cronaca e prime pagine di giornali. Alla presentazione era presente il ministro dei Trasporti Graziano Del Rio e il direttore di Ansa Luigi Contu, oltre che l’ex sindaco di Torino Piero Fassino. Temendo l’arrivo di manifestanti No Tav, le forze dell’ordine hanno letteralmente blindato la stazione ferroviaria, chiudendo due ingressi (uno su corso Inghilterra, uno su corso Bolzano) e controllato piazza XVIII Dicembre. Nessuna presenza di manifestanti No Tav, salvo qualche attivista pacifico, intento a distribuire volantini in merito all’assemblea pubblica di venerdì 7 aprile (Cascina Marchesa, corso Vercelli). Nessuna paura dunque, semplice servizio di prevenzione.