15 novembre 2019
Aggiornato 23:30
Defibrillatore Regione

Dove si trova il defibrillatore più vicino? Sul sito della Regione la mappa delle colonnine

A volte la differenza tra la vita e la morte è una questione di attimi. Con questa decisione, i soccorritori sapranno arrivare tempestivamente al defibrillatore più vicino: lo ha comunicato l’assessore alla Sanità, Antonio Saitta

TORINO - Torino e tutto il Piemonte dovranno presto dotarsi di una mappa dei defibrillatori presenti sul territorio. E’ questo quello che questa mattina ha comunicato Antonio Saitta, assessore alla Sanità: l’obiettivo è di creare una mappatura dei macchinari presenti nei vari uffici, nei comuni, nelle sedi di società sportive e private, per far si che i soccorritori sappiano in ogni momento dove poter trovare il defibrillatore più vicino rispetto la loro posizione. 

Obbligo di registrare il defibrillatore
Come spesso accade, in caso di improvviso arresto cardiaco i defibrillatori possono salvare la vita. E’ una questione di attimi. Ecco perché è importante che i soccorritori sappiano dove trovare la strumentazione necessaria, nel minor tempo possibile. Tutti i soggetti pubblici o privati in possesso di un defibrillatore dovranno pertanto comunicare i dati dell’apparecchiatura e la posizione, per renderli così «visibili» al sistema informatico della Regione: un obbligo che permetterà di avere il pieno controllo della situazione. Una prima stima parla comunque di 1400 apparecchi circa tra privati e pubblici, ma la volontà di aumentare questo numero è evidente. Una cosa è certa: d’ora in avanti, operatori del 118 e persone formate, potranno conoscere la posizione del defibrillatore a loro più vicino con pochi click.