5 agosto 2020
Aggiornato 06:00
Beni culturali

Fasi finali dei lavori alla Cappella della Sindone, nel 2018 la riapertura al pubblico

Siamo alle battute finali dell'importante lavoro di restauro della Cappella del Guarini, in cui è conservata la Sacra Sindone: previsto per il 2018 il termine ultimo dei lavori 

TORINO - Parte ufficialmente il conto alla rovescia che restituirà la cappella della Sindone alla città di Torino. Dopo un lungo e laborioso processo di restauro siamo ora giunti alle battute finali: il termine delle operazioni è previsto per il 2018. «Dopo la riapertura al pubblico, la Cappella della Sindone entrerà a far parte del percorso dei Musei Reali», ha spiegato la direttrice dei Musei Enrica Pagella, «e tornerà ad essere, per la città intera, quel grande simbolo di arte e storia che dobbiamo alla mente di un architetto non convenzionale come Guarino Guarini».

L'ultima fase dei lavori
Lo step finale del complesso e delicato lavoro di restauro riguarda il rifacimento dei tetti, degli infissi, degli impianti di illuminazione e infine lo smontaggio della struttura di sostegno e dei ponteggi. Proprio in questi giorni entrerà in azione l'impresa che ricostruirà i serramenti, le coperture e le murature esterne. L’obiettivo è smontare i ponteggi e le strutture di sostegno entro la fine dell’anno, così da poter restituire quanto prima la cupola al panorama della città, per arrivare a riaprire il monumento al pubblico tra la fine del 2017 e i primi mesi del 2018. 

La Sacra Sindone
I lavori alla Cappella del Guarini termineranno a distanza di vent'anni dalla tragica notte dell’11 aprile 1997, quando un incendio devastante mise a rischio la stessa Sindone. «Potremo ammirare di nuovo in tutto il suo splendore architettonico questa struttura rinnovata e consolidata», afferma Monsignor Cesare Nosiglia, Arcivescovo di Torino, «un lavoro che ci riporta direttamente alla realtà della Sindone, il tesoro più prezioso che la nostra città custodisce e che è oggetto di una grande devozione popolare diffusa nel mondo intero». A coordinare i lavori sarà la Commissione per il completamento del restauro e del recupero funzionale della Cappella della Sacra Sindone, composta da rappresentanze degli istituti del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo insieme alla Curia e Diocesi di Torino.