19 settembre 2019
Aggiornato 13:00
Cronaca

«Ridammi il borsello», capotreno derubato sul Torino-Bardonecchia

Corsa movimentata sul treno che da Bardonecchia porta a Torino: un giovane ladro di origine straniera ruba al capotreno il suo borsello e poi lo minaccia con un martelletto frangi vetri

TORINO - Il treno aveva da poco lasciato Bardonecchia per raggiungere Torino quando il capotreno si trovava nella cabina di guida del macchinista. Dovendo recarsi in un'altra carrozza, l'uomo ha lasciato il suo borsello di servizio nel locale di guida ma sono bastati quei pochi minuti di assenza per permettere al ladro di intrufolarsi e rubare l'attrezzatura. 

«Ridammi il borsello»
Tornando indietro, appena qualche minuto più tardi, il capotreno ha visto un ragazzo con il suo borsello e con uno dei martelletti frangi vetro in dotazione al treno tra le mani. Nel giubbotto il ragazzo aveva la pinza obliteratrice e il POS per la biglietteria a bordo treno. Il capotreno ha allora intimato al giovane di restituirgli l’attrezzatura ma questo, un minore di origine straniera, lo ha minacciato con il martelletto. A quel punto il ladruncolo si è guadagnato la fuga correndo attraverso le carrozze del treno.

Le porte bloccate a Beaulard
Il convoglio si è infine fermato nella stazione di Beaulard e le porte sono state tutte bloccate. Pochi minuti dopo sono arrivati in stazione gli agenti del Commissariato di Bardonecchia che hanno fermato l’autore del gesto e un suo amico, risultato poi estraneo ai fatti. L’autore del furto è stato denunciato in stato di libertà per resistenza e minacce a Pubblico Ufficiale e per rapina.