13 agosto 2020
Aggiornato 12:30
Barattolo

I primi passi di «Barattolo»: oggetti in vendita al mercato del libero scambio

A distanza di qualche settimana dall'inaugurazione del mercato di libero scambio in via Carcano, si inizia a tirare le somme. Tra le bancarelle si registrano attività di compravendita e una densa nube di incertezza aleggia ancora sulla prossima collocazione di «Barattolo»

TORINO - Sono passate tre settimane da quando «Barattolo», già «suk», si è stabilito in via Carcano nel quartiere di Vanchiglietta e, sin dagli albori dell'iniziativa, le proteste di residenti e commercianti di zona non sono mancate. Nonostante tutto, nel bel mezzo delle accalorate rimostranze delle associazioni sportive a riunione con l'assessore Marco Giusta e della merenda organizzata per dire «no» al mercato di libero scambio, «Barattolo» ha iniziato a muovere i suoi primi passi.

Compravendita e libero scambio
Dando uno sguardo sommario a queste prime giornate del «rinato suk», salta immediatamente all'occhio che, con buona pace dell'etichetta "mercato di libero scambio" sono diverse le bancarelle che espongono cartellini con il prezzo della merce. «Che ci sia compravendita è provato» ha dichiarato il Capogruppo dei Moderati Silvio Magliano, in seguito a uno sopralluogo effettuato personalmente la scorsa domenica, 7 maggio, in via Carcano. «Così come evidente è la provenienza illecita di molti degli oggetti esposti» prosegue Magliano in un post comparso sulla sua pagina Facebook. Il pilastro della legalità che, nelle intenzioni del progetto, doveva essere uno dei punti di forza del nuovo mercato, sembrerebbe dunque iniziare a scricchiolare. 

Il Cimitero Monumentale
A preoccupare i Consiglieri della Circoscrizione 7, Ferdinando D'Apice e Pino la Mendola, pare essere inoltre la stretta vicinanza del mercato con il Cimitero Monumentale.  «La vicinanza con il Cimitero è un problema palese», attacca ancora Magliano, «in termini di decoro ma anche, sospetto, in termini di mero rispetto del regolamento, ed è un dato che verificherò». Nel frattempo, si attendono ancora indicazioni dall'assessore Giusta in merito alla prossima collocazione di «Barattolo»: per quanto tempo il mercato resterà il Vanchiglietta? Quale sarà la prossima Circoscrizione designata a ospitare l'iniziativa? Questi e altri interrogativi restano aperti.