20 agosto 2017
Aggiornato 22:30
Lavori a Torino

Ripartono i lavori al grattacielo della Regione Piemonte, pronto nell'estate 2018

La Cooperativa Muratori e Braccianti di Carpi ha approvato il nuovo schema di contratto di subentro. Dopo la firma davanti al notaio i cantieri potranno finalmente ripartire

Ripartono i lavori del grattacielo della Regione Piemonte (© )

TORINO - Questa volta dovrebbe essere quella buona. Non si contano nemmeno più i rinvii e i ritardi per i lavori del grattacielo della Regione Piemonte e le parole spese, ma l’approvazione di questa mattina potrebbe essere la parola «fine» a tutte le peripezie. Il consiglio di amministrazione della CBM, la Cooperativa Muratori e Braccianti di Carpi, ha detto «sì» al nuovo schema di contratto di subentro che lo scorso 8 maggio la Giunta del presidente Sergio Chiamparino ha varato per la ripresa dei cantieri a Lingotto.

Dalla firma 14 mesi
Il cronoprogramma prevede la firma davanti al notaio, cosa che dovrebbe avvenire nei prossimi giorni. Questo darà il via alla ripresa ufficiale dei lavori che, come previsto dal contratto stesso, dovranno finire entro 14 mesi. La Cooperativa Muratori e Braccianti di Carpi saranno capofila della Ati finanziaria.