22 ottobre 2017
Aggiornato 12:00
Rally Torino

«Omicidio colposo»: nove indagati per la morte di Aldo Ubaudi, ci sono anche i genitori del bimbo

Nel giorno in cui viene pubblicato il video del fatale incidente, la Procura di Ivrea apre l’inchiesta sulla morte del piccolo Aldo Ubaudi: tra gli indagati, ci sono anche i genitori del bambino di sei anni

COASSOLO - Sono nove le persone indagate per la morte di Aldo Ubaudi, il bimbo di sei anni travolto dalla Skoda Biella durante il Rally Città di Torino. Nel giorno in cui è stato divulgato il video del tragico incidente, le indagini condotte dalla procura di Ivrea hanno subito una svolta improvvisa: il pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi ha infatti iscritto nel registro degli indagati ben nove persone, tra cui i genitori del piccolo Aldo. Tra gli indagati per «omicidio colposo» vi sono anche i cinque organizzatori del rally, il pilota della Skoda Biella e il navigatore.

Indagini in corso in attesa dell'autopsia
Da valutare se il piccolo Aldo, insieme alla sua famiglia, stesse assistendo alla gara in un punto vietato. Il filmato uscito oggi sembra poter aiutare gli inquirenti a stabilire con certezza le responsabilità di quanto accaduto. Sotto esame anche la posizione di Cristian Milano, pilota dell’auto: secondo il navigatore, il conducente del mezzo avrebbe avuto un malore e per questo avrebbe perso il controllo della sua automobile. Intanto, nella giornata di domani, verrà dato l’incarico per l’autopsia sul corpo del bimbo investito.