21 ottobre 2019
Aggiornato 02:30
Cronaca

Maxi furto di motori Ferrari: scoperto il deposito dei ladri a Settimo

Scoperto il magazzino dove la banda di ladri era solita depositare la merce rubata. L'ultimo colpo risale al 1 maggio, quando sono stati rubati 50 motori Ferrari per il valore di 900.000 euro

SETTIMO - Erano in tre e si sono introdotti nel piazzale della ditta della famiglia Capra di Moncalieri lo scorso primo maggio. Qui i ladri hanno trovato parcheggiati alcuni camion, ne hanno rubati due con cui hanno sfondato il cancello e si sono dati alla fuga. Dopodiché i delinquenti hanno raggiunto Rivoli dove il rimorchio, contenente 50 motori Ferrari destinati a veicoli Maserati, è stato agganciato al mezzo rubato poche ore prima a Moncalieri. Un lavoro da professionisti, per un colpo di circa 900mila euro.  

Il magazzino della banda di ladri
Indagini approfondite da parte dei militari dell'Arma hanno portato all'individuazione del magazzino usato dai ladri come deposito. Il capannone si trova a Settimo Torinese, in via Casina Borniola e i carabinieri di Leinì hanno trovato al suo interno, oltre ai motori Ferrari, anche 4.561 kg di cavi in rame, di verosimile provenienza illegale, per il valore complessivo 250.000 euro. Tre persone sono state fermate poichè ritenute responsabili del reato di ricettazione. Si tratta di Gabriel Banga Marius, 49 anni, romeno, residente a Torino; Bianca Angelica Banga, 47 anni, anche lei romena e residente a Torino e Ezio Giacomo Negro, torinese di 64 anni. Il valore complessivo della merce scoperta nel magazzino si aggira intorno 1,3 milioni di euro.