21 ottobre 2019
Aggiornato 04:30
Dalla piazza

Accertata l'origine dell'allarme bomba in piazza San Carlo: è ceduta una ringhiera del parcheggio

Non è stato né un petardo né la caduta improvvisa delle transenne a scatenare il panico in piazza San Carlo. La Questura ha confermato: è ceduta una ringhiera del parcheggio sotterraneo di fronte al negozio di abbigliamento Olympic
La ringhiera ceduta del parcheggio sotterraneo
La ringhiera ceduta del parcheggio sotterraneo ANSA

TORINO - Non è stato né un petardo né la caduta improvvisa delle transenne a scatenare il panico in piazza San Carlo. La Questura ha confermato: è ceduta una ringhiera del parcheggio sotterraneo di fronte al negozio di abbigliamento Olympic. Da lì è iniziato il fuggi fuggi, prima dall'esterno della piazza, con molti tifosi che hanno cercato riparo suonando ai residenti e nascondendosi negli androni. Chi era più verso il centro e vicino al maxi schermo non ha capito cosa stesse succedendo. Qualcuno ha urlato all'allarme bomba e in pochi minuti tutte le 70mila persone stavano scappando in tutte le direzioni senza sapere bene il perché.

Oltre 400 le persone ferite
Sono più di 400 le persone che sono rimaste ferite. La maggior parte di queste sono codici verdi e sono stati trasportati per essere medicate in diversi ospedali cittadini e della prima cintura di Torino.

Le foto da piazza San Carlo »

Allarme bomba: fuga da piazza San Carlo »