19 ottobre 2019
Aggiornato 11:30
Circoscrizioni

Tra abusivismo e problemi strutturali, quale sarà il futuro della piscina Sempione?

Tra crolli strutturali e persone che, quotidianamente, entrano abusivamente nell'impianto all'aperto di via Toscanini, non resta che domandarsi quale sarà il futuro della piscina all'aperto

TORINO - Le porte della piscina dei tuffi di via Toscanini sono chiuse da ormai cinque anni. L'estate si avvicina e viene da chiedersi che cosa ne sarà dell'impianto all'aperto gestito dalla società torinese Rari Nantes. La piscina all'aperto, un tempo polo attrattivo per i residenti di zona e non solo, è stata chiusa a causa della vicinanza con i cantieri del passante ferroviario. I lavori infatti hanno provocato danni considerevoli alla struttura: le sonde utilizzate nel cantiere limitrofo pare che abbiano causato, ad esempio, delle crepe alla base di cemento della vasca con i trampolini. La vasca, in seguito a questi problemi, è stata dichiarata inagibile e perciò chiusa al pubblico.

Ingressi abusivi
Ai problemi strutturali si aggiunge poi l'annosa questione degli ingressi abusivi all'impianto. Pare che siano decine e decine le persone che, quotidianamente, entrano senza biglietto nella struttura. Lo ha confermato il presidente della Circoscrizione 5 Marco Novello, ricordando come anche in un’altra struttura della Circoscrizione si verifichi lo stesso fenomeno. Il problema della regolazione degli ingressi incide poi sulla questione sicurezza in modo considerevole. Stando così le cose, in caso di incidenti, ad esempio, sarebbe davvero complicato accertare le responsabilità. 

Interrogativi ancora aperti
Il Capogruppo Moderati, Silvio Magliano ha richiesto che venga fatto un incontro per discutere del futuro dell'impianto, con la partecipazione della società Rari Nantes e della Circoscrizione. «Alla Rari Nantes interessa davvero puntare sulla piscina all’aperto? Se sì, intende impegnarsi per il suo ripristino? In caso contrario, la Circoscrizione in che modo può difendere i propri interessi? Ci sono le condizioni per l’apertura di un contenzioso? Quale futuro per la struttura?», questi alcuni degli interrogativi posti in luce da Magliano in merito alla piscina Sempione. Continueremo a seguire gli sviluppi della discussione per capire cosa ne sarà della vasca all'aperto di via Toscanini.